“Credo che siamo l’unico Paese che ha all’interno della propria Costituzione l’equilibrio di bilancio, che poi è il pareggio di bilancio. Credo che questa sia una norma che in futuro vada superata”. L’annuncio è arrivato dal vicepremier Luigi Di Maio, che durante l’intervista a In Onda su La7 ha anticipato che il governo intende mettere in cantiere una modifica della Carta per riportare alla forma originaria l’articolo 81, cambiato nel 2012 – durante il governo Monti – inserendo la frase “Lo Stato assicura l’equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio, tenendo conto delle fasi avverse e delle fasi favorevoli del ciclo economico. Il ricorso all’indebitamento è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo economico e, previa autorizzazione delle Camere adottata a maggioranza assoluta dei rispettivi componenti, al verificarsi di eventi eccezionali”. In ogni caso, ha spiegato il leader M5s, l’ipotesi di modifica non verrà realizzata a breve: “Adesso non ci siamo messi al lavoro su questo, a settembre” sul fronte delle modifiche costituzionali “cominciamo dal taglio dei parlamentari“.

Il ministro dello Sviluppo e del Lavoro è tornato anche sulla questione dell’abolizione degli 80 euro ventilata come ipotesi dal ministro dell’economia Giovanni Tria in un’intervista al Sole 24 Ore“Con Giovanni Tria c’è una perfetta sintonia“, ha sostenuto. “Poi si può raccontare che questo governo si fa le guerre. Bisogna vedere cosa ha scritto il giornalista e cosa ha detto il ministro”, ha detto Di Maio. “Posso nutrire il dubbio che” ci siano differenze tra “quello che diciamo in una intervista telefonica e quello che si scrive per metterci gli uni contro gli altri“. Oggi il quotidiano di Confindustria replica con un corsivo in cui sottolinea che l’intervista “non è telefonica ma è frutto (come scritto nel testo) di due ore abbondanti di colloquio nell’ufficio del ministro a via XX Settembre” e “sono riportate fedelmente le parole di Tria”, parole che “il ministro non ha smentito né corretto dopo la pubblicazione del testo”.

Quanto alla possibilità di non disinnescare del tutto le clausole di salvaguardia sull’Iva, Di Maio ribadisce che “l’Iva non aumenta, per i retroscena mai smentiti serve un ufficio stampa smentite solo per le fake news. Il nostro obiettivo è non farla aumentare”. Ma il ministro parla poi di “ritoccare l’Iva per non farla aumentare”.