Scontro al Senato la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberta Casellati e gli eletti del Pd a Palazzo Madama. Tutto è avvenuto in apertura della seduta sulla discussione del decreto Milleproroghe, quando il Partito Democratico ha chiesto di poter esporre il proprio parere contrario rispetto all’approvazione del verbale della seduta precedente. Ovvero, quella in cui l’Aula aveva approvato l’emendamento al decreto Milleproroghe, presentato da Lega e M5s, che rinvia al 2019 l’obbligo di vaccinazione per l’iscrizione a nidi e scuole per l’infanzia.
Slittamento rispetto al quale il Pd non era favorevole. Quando la presidente Casellati ha rivendicato come il Pd non avesse più tempo di parola in Aula si è scatenato un botta e risposta tra la stessa presidente e i senatori dem. Prima uno scontro sul regolamento con il senatore Mino Taricco, poi lo scambio d’accuse con Mauro Antonio Donato Laus: “Non siamo a scuola“, si è lamentato il senatore, per i metodi usati da Casellati, che toglieva subito la parola ai senatori dem. “Forse dovreste andarci”, la replica stizzita di Casellati. Uno scontro durato oltre venti minuti, terminato soltanto con il voto sul verbale.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Motovedette, sul decreto è battaglia Pd-Lega. Dem: “Respinti nostri emendamenti sul rispetto dei diritti umani”

prev
Articolo Successivo

Vaccini, Rizzotti (FI) contro il governo: “Si vergogni, non si gioca su salute dei bambini”. Standing ovation dei senatori Pd

next