La Spagna è il Paese europeo in cui arrivano più migranti. Gli ultimi dati aggiornati al 3 agosto dell’Unhcr parlano di più di 27mila nel 2018. A fronte dell’alto flusso, Madrid sta istituendo una centrale operativa di comando per gestire l’emergenza estiva. Il premier Pedro Sanchez ha annunciato che l’unità coordinerà la risposta della Spagna alle migliaia di migranti che ogni mese si riversano sul suo territorio. Sanchez ha poi riferito che suo governo sta portando avanti trattative con il Marocco da dove i trafficanti di esseri umani prendono i migranti per portarli in Europa attraversando il Mediterraneo.

Un’intenzione ribadita nel comunicato congiunto del commissario all’immigrazione Dimitris Avramopoulos e del governo spagnolo, in cui è stata sottolineata “l’importanza di una partnership ampliata con il Marocco” sulla migrazione. La Commissione Ue “continuerà a mostrare solidarietà alla Spagna, che ha dato prova di un esemplare spirito europeo nell’affrontare la sfida migratoria”, scrive la Commissione. Bruxelles “sostiene gli sforzi di Madrid per sviluppare una risposta efficace all’aumentato numero di arrivi nei mesi scorsi e per proteggere la frontiera esterna dell’Ue, in particolare le coste dell’Andalusia“.

Tornando ai dati dell’Unhcr, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, tutti i migranti che arrivano in Spagna partono infatti proprio dal Marocco per arrivare nella regione autonoma sulla costa meridionale. In circa 23mila sono arrivati via mare da gennaio ad oggi, mentre altri quasi 4mila via terra, passando attraverso l’enclave spagnola in Marocco di Ceuta e Melilla. In tutto 27614 migranti, contro i circa 18mila giunti in Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Osama Bin Laden, la madre parla per la mia volta: “Era un bravo ragazzo. Gli hanno fatto il lavaggio del cervello”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Zimbabwe, Mnangagwa vince con il 50,8%. Lo sfidante: “Voto truccato”. E la polizia interrompe la sua conferenza

next