Polemica vivace a Coffee Break (La7) tra la giornalista del Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, e l’europarlamentare della Lega, Angelo Ciocca. Quest’ultimo loda l’operato del governo M5s-Lega, ma Meli insorge: “Ma cosa ha fatto questo governo in 60 giorni, mi scusi? Io non ho visto nulla. Neanche i porti avete chiuso. Lo avete raccontato in giro, ma non li avete chiusi”. “Lei fa con grande professionalità giornalismo” – risponde Coccia – “quindi, leggiamo il dato degli sbarchi di luglio 2018 con quello relativo al 2016. Peraltro, quest’anno a luglio c’è stato un tempo bellissimo col rischio di una invasione di massa come nel 2016 e nel 2017″. “Se i numeri di quest’anno sono bassi, dovete ringraziare solo Minniti” – ribatte la giornalista – “gli accordi con la Libia li ha fatto lui, non Salvini“. La polemica dura qualche minuto, poi Meli attacca il decreto di dignità: “E’ una cosa ridicola, perché Di Maio non ha fatto niente dii quello che aveva promesso e certamente non ha stravolto l’impianto del Jobs Act. Ha lasciato immutata la situazione, mettendo alcuni elementi peggiorativi. Geniale”. Lo scontro con Coccia riesplode, quando l’europarlamentare leghista osserva: “Le aziende chiudono perché non riescono a utilizzare le infrastrutture esistenti. Quindi, è necessaria una loro manutenzione. Anche il mondo imprenditoriale è contento di avere un governo che ragiona in questo modo”. “Cioè è contento di avere un governo che vuole chiudere l’Ilva?”, chiede Meli. “Lei prima ha fatto delle affermazioni dicendo che il governo mette al tavolo per la Tav dei criminali”, risponde Coccia. Ma Meli smentisce: “Non ho mai detto questo. Se lei ascolta e capisce chi parla, forse è meglio”. “Stiamo facendo confusione, a partire dall’immigrazone” – ribatte Coccia – “senza riconoscere lo sforzo diretto che ha fatto Salvini. E questo gli è costato prese di posizione ingiuste da parte di molti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai, Gardini (Fi): “Patto del Nazareno tra noi e Pd contro Foa? I 5 Stelle sono doppi, stessa compagnia di giro dei No Tav”

prev
Articolo Successivo

Telese e Parenzo non lo fanno parlare, Cencelli (ex Dc) si alza e se ne va. Battuta di Mulé: “Non avete diviso il tempo”

next