L’immagine di marito e moglie che litigano su cosa guardare alla tv è un cliché da cui neanche la coppia presidenziale statunitense si salva. Il retroscena è stato raccontato dal New York Times: stando alla ricostruzione del quotidiano, quando sull’Air force one in volo verso gli Stati Uniti, Donald Trump si è accorto che Melania sta guardando l’odiata Cnn, ha dato in escandescenze.

Il canale su cui era sintonizzato il televisore della First Lady è il più odiato dal marito, che lo definisce “fabbrica di fake news“. A farne le spese anche l’intero staff presidenziale colpevole di aver violato una regola fondamentale: le tv all’inizio di ogni viaggio devono trasmettere solo Fox News, che di fatto per il presidente statunitense è l’unica emittente degna di essere vista.

L’episodio è avvenuto di rientro dall’ultimo viaggio in Europa: il giornale americano è riuscito ad ottenere uno scambio di mail tra alcuni responsabili della Casa Bianca, con tutti i dettagli della vicenda. Dalle mail si legge che il personale ha deciso – per evitare che si ripetano altre sfuriate presidenziali – che prima che Trump salga sull’Air force one, tutti i televisori saranno sintonizzati sul canale stabilito, come prassi standard.

Dalla conversazione emerge anche che il presidente statunitense gradirebbe altri due televisori in grado di supportare alcune piattaforme che trasmettono via streaming, così da assicurare che sia lui sia la moglie possano guardare la tv americana nelle stanze d’albergo separate quando viaggiano all’estero. “La first lady continuerà a guardare i canali televisivi che vuole”, fa sapere alla stampa Stephanie Grisham, la portavoce di Melania Trump che, non avendo gradito lo scoop del New York Times è intervenuta per chiarire subito la questione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso Benalla, perquisito l’ufficio all’Eliseo del collaboratore di Macron. E lo staff del presidente si contraddice sullo stipendio

next
Articolo Successivo

Dazi, incontro alla Casa Bianca. Trump: “Nuova fase dei rapporti Usa-Ue”. Juncker: “Abbiamo raggiunto un accordo”

next