“Restituire senso alla professione di libraio, che oggi è troppo spesso semplificata”. È questo l’obiettivo di Antonio Brizioli, che con il collettivo da lui fondato, chiamato “Emergenze”, ha aperto Edicola 518 due anni fa a Perugia. Un chiosco in pieno centro storico, in via Sant’Ercolano, dall’aspetto di un’edicola tradizionale ma del tutto innovativo e unico nel suo genere. Ponendosi in contrapposizione con le librerie mainstream, Edicola 518 propone oltre 400 titoli di magazine indipendenti da tutto il mondo e libri provenienti unicamente da case editrici indipendenti, selezionati senza intermediari. In un periodo in cui librerie ed edicole sempre più spesso abbassano le saracinesche, Brizioli racconta che “l’editoria di qualità è in controtendenza: la carta stampata più in crisi è quella fondata sulle notizie, anticipata ormai dal web, ma le riviste, per esempio, che erano usa e getta, oggi sono prodotti da collezionare”. Nei suoi due anni di attività, Edicola 518 si è fatta promotrice anche di una serie di incontri culturali sui più svariati temi per recuperare, spiega Brizioli, “il concetto di piazza, non solo come spazio fisico, ma come luogo di condivisione e scambio di idee”. 
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, la Marina libica a Open Arms: “Soccorso professionale”. La cronista a bordo: “In acqua non c’era nessuno”

prev
Articolo Successivo

Malpensa, taxista rifiutò la corsa a due invalidi perché il tragitto “era troppo breve”: sospesa la licenza

next