Oggi inizia su Amazon il Prime Day, 36 ore di sconti che lo store online dedica esclusivamente ai propri clienti iscritti ad Amazon Prime.

Potranno usufruire delle offerte anche i clienti che attivano per la prima volta il servizio in abbonamento di Amazon (che ricordiamo include consegne gratuite in 1-2giorni, spazio illimitato su cloud per le proprie foto e la visione dei contenuti di Prime Video) usufruendo della prova gratuita per 30 giorni; alla scadenza del periodo di prova il costo del servizio è di 36€ all’anno.

Per aiutarvi a navigare tra le offerte abbiamo selezionato le migliori per ogni categoria di prodotto in ambito tecnologico:

  1. Cuffie Bluetooth
  2. Speaker Bluetooth
  3. Televisioni UltraHD
  4. Periferiche da Gaming
  5. Monitor & SSD

Per ogni acquisto effettuato attraverso uno dei link proposti, Il Fatto Quotidiano riceve una commissione. Il prezzo finale non subisce per te alcuna variazione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Habitissimo: informazioni e soluzioni rapide per i lavori di casa

next
Articolo Successivo

Trust GXT 252 Emita Plus, kit microfonico per chi decide di avvicinarsi allo streaming – Recensione

next