Un’intervista rilasciata da Donald Trump alla Cbs costringe alla replica via twitter Donald Tusk. Nel giorno in cui Theresa May racconta alla Bbc che il presidente degli Stati Uniti d’America le avrebbe consigliato di “fare causa all’Unione Europea” i rapporti tra Usa e Ue sono messi ulteriormente in dubbio direttamente dallo stesso Trump. Nell’intervista rilasciata al network americano l’inquilino della Casa Bianca avrebbe bollato Russia, Unione europea e Cina come “nemici” degli Stati Uniti.

“Penso che abbiamo molti nemici, credo che l’Unione europea sia un nemico, per quello che fa a livello commerciale. Ora, non penseresti all’Unione europea, ma è un nemico“, ha detto dal suo resort golfistico di Turnberr, in Scozia. Secondo il leader Usa, che domani incontrerà l’omologo russo Vladimir Putin a Helsinki, anche “la Russia è un nemico per certi aspetti, la Cina è un nemico economicamente, certamente sono nemici, ma questo non significa che siano cattivi. Non significa niente, significa che sono competitivi”.

Trump ha quindi ribadito di avere “un grosso problema con la Germania”. Riferendosi all’accordo fatto con la Russia sul gasdotto o Nord Stream 2, il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato che “c’è molta rabbia per il fatto che la Germania paghi miliardi di dollari alla Russia”. “Penso anche che sia una brutta cosa, stanno sventolando una bandiera bianca?”, ha aggiunto. Gli Usa, infatti, hanno imposto all’Ue e ad altri alleati dazi su acciaio e alluminio, scatenando delle misure di risposta. Una guerra commerciale è in corso anche con la Cina, dopo che gli Stati Uniti hanno applicato dazi per quelle che definiscono delle pratiche commerciali ingiuste da parte di Pechino. Le dichiarazioni così nette di Trump hanno costretto alla replica il presidente del consiglio europeo. “America e l’Ue sono i migliori amici. Chiunque dica siamo nemici diffonde fake news“, è il tweet di Tusk.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chicago, ancora proteste contro la polizia violenta dopo l’uccisione di un trentenne. Scontri e arresti

prev
Articolo Successivo

Trump-Putin, oggi l’incontro a Helsinki. Sul piatto poca sostanza, ma molta immagine. Soprattutto per la Russia

next