Si sono ritrovati in Vaticano, in piazza San Pietro. E poi, tutti insieme, si sono spostati sotto a Montecitorio, dove è cominciata la loro protesta: dieci giorni di digiuno a staffetta e di presenza davanti al Parlamento, per dire no alle politiche migratorie del Governo. “C’è molto silenzio, anche dentro la Chiesa. Non vediamo abbastanza solidarietà ”, dice padre Alex Zanotelli. “Siamo tanto vicini a quello che successe negli anni ’20, quando Benito Mussolini costruiva consenso con questa etica del linguaggio cialtrona. E poi ci ritrovammo il ventennio fascista”, dice don Alessandro Santoro, prete degli ultimi impegnato da anni nella comunità delle Piagge di Firenze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, obbligo o autocertificazione? Ho chiesto ai colleghi dell’Associazione Coscioni

next
Articolo Successivo

Salvini smentito dagli psichiatri: “Boom di aggressioni? Falso. Meno parole, ministro, la preghiamo. Più fatti. E fondi”

next