Africani feriti a colpi di pistole soft air, a Forlì. Sono stati due gli episodi, in pochi giorni, su cui i carabinieri stanno indagando. Il primo risale a due giorni fa, quando un ivoriano di 33 anni è stato affiancato da un’auto mentre era in sella alla sua bici, in viale Bolognesi, e poi è stato colpito da un proiettile partito presumibilmente da una pistola ad aria compressa. Ha riportato lievi ferite all’addome, con prognosi di 10 giorni.

La vittima del secondo episodio è una donna nigeriana: nella notte tra lunedì e martedì, in corso Garibaldi, è stata avvicinata da un motorino e ferita ad un piede con colpo partito sempre da una pistola da softair. La donna non ha denunciato l’accaduto per paura. A raccontarlo è stato Gbeu Serge Diomande, componente della consulta degli stranieri: “Sì, si può chiamare razzismo. Perché si spara ai neri”, ha dichiarato al Resto del Carlino. I Carabinieri indagano per verificare se dietro ai due episodi ci siano gli stessi responsabili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, dal fallimento RSI alla cessione dell’area. I lavoratori delle ‘Officine zero’ a rischio sgombero: “Si faccia chiarezza”

prev
Articolo Successivo

Ciro Immobile, tentata aggressione in spiaggia a Chieti: identificato pescarese di 35 anni

next