Blitz negli uffici, le impronte digitali per contrastare i furbetti del cartellino, leggi contro i corrotti e un passo indietro sulla riforma del Corpo forestale perché è “fallita”. Giulia Bongiorno, neo ministro della Pubblica amministrazione, affida il suo programma alle pagine del Corriere della Sera nella prima intervista dopo la nomina. L’elenco di cose da fare non vuole “distruggere” la riforma Madia, ma agire “con i bisturi per curare la disomogeneità nei servizi”.

Per farlo, spiega, si partirà con “sopralluoghi a sorpresa” negli uffici, delle “ispezioni a campione con pool di esperti” ma nulla di “punitivo”. Se però dovessero emergere “inezie saremo inflessibili”, mentre di fronte ai disservizi causati da “difficoltà oggettive” il ministero “aiuterà a colmare le lacune”. Sulla guerra ai furbetti del cartellino voluta dal suo predecessore Marianna Madia, Bongiorno spiega che “l’assenteismo è un fenomeno odioso”, ma a suo avviso non basta inasprire le sanzioni: “Credo si debba anche prevenire”.

Per farlo serve evitare che ci sia “strisci il tesserino per altri” e la misura più efficace è “prendere le impronte digitali” ai dipendenti pubblici: “Cosa c’è di male? A me alla Camera le hanno prese quando c’erano i “pianisti” – dice – E non sono rimasta traumatizzata”. Nessun accenno ai costi che un’operazione così imponente comporterebbe, ma di fronte alla possibilità che prevalga il diritto alla privacy risponde: “Tra i beni confliggenti deve prevalere l’interesse collettivo: che siano tutti al lavoro, al servizio del cittadino”.

Un pezzo di riforma Madia da smantellare è quella del Corpo forestale dello Stato. Per il ministro Bongiorno “è fallita”. Un giudizio supportato dall’immagine dell’Italia “devastata dagli incendi” durante la scorsa estate. Quindi “dopo il giudizio, bisognerà pensare come cambiare rotta“. Per contrastare la corruzione, invece, il pensiero corre a una riforma sotto il profilo qualitativo delle leggi: “Ci sono troppe norme oscure, che i funzionari possono piegare arbitrariamente. Le imprese hanno troppi interlocutori e troppi uffici – dice Bongiorno – Un progetto è una via crucis. La tentazione di oliare è forte”.

Tra le idee allo studio, quella del “codice degli appalti” affinché sia “chiaro cosa si può fare e cosa no”, mentre sull’agente di copertura “che raccoglie elementi di reato e non tenta i funzionari”, specifica, “attendo il progetto del ministro Bonafede“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, in 10mila al pranzo multietnico al Parco Sempione. Saviano: “Io leader? No, bisogna costruire una comunità”

prev
Articolo Successivo

Migranti, anche Malta attacca: “Da Italia vera disumanità”. Lifeline invita Salvini: “Trasportiamo esseri umani, non carne”

next