Ad accorgersene per prima è stata una studentessa fiorentina. Dopo aver comprato la mozzarella al supermercato, è rientrata a casa e ha aperto la confezione scoprendo all’interno due aghi da cucire.

Secondo quanto verificato dai carabinieri, la confezione – venduta in un supermercato di via Masaccio a Firenze – non presenta buchi e pertanto gli aghi non possono essere stati inseriti dall’esterno. Quindi, dopo aver sequestrato la mozzarella comprata dalla donna, i militari hanno disposto il ritiro dal commercio del lotto di latticini in via precauzionale.

In base alle verifiche, la confezione appartiene a un lotto di 3.840 mozzarelle. Di queste 600 erano state distribuite alla catena Esselunga e sono state già ritirate dal commercio, mentre le restanti 3.240 erano state distribuite ad altri rivenditori e sono state richiamate. I latticini erano marchiati Mukki, ma – spiegano fonti aziendali – non erano stati prodotti nello stabilimento fiorentino della Centrale del Latte, ma da un altro produttore: “La produzione è affidata a terzisti“, dicono da Mukki all’Ansa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nave Lifeline salva migranti in acque libiche, Toninelli: “Batte illegalmente bandiera olandese, la sequestreremo”

prev
Articolo Successivo

Lifeline, dalla rotta balcanica al mar Mediterraneo: ong attiva dal 2015

next