I dati e le informazioni personali sono il nuovo oro nero, il nuovo petrolio. A dirlo è la giornalista Eugenia Romanelli, che ha curato, a Roma, il convegno dal titolo “Dove non arriva la privacy. Come creare una cultura della riservatezza”. “L’esistenza virtuale ha ormai pari dignità di quella reale”. Non sono un caso, d’altra parte, i casi di suicidi di giovani dopo la diffusione in Rete e sui social di scatti intimi, inviati in un primo momento al proprio partner (sexting). “Serve consapevolezza, bisogna conoscere limiti e potenzialità di questi strumenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lamezia, arrestati 5 rom: Salvini esalta i carabinieri. Gli stessi che confiscarono i beni alla moglie del suo deputato

next
Articolo Successivo

Roma, marcia indietro totale su Almirante. Mozione in Campidoglio: “Antifascismo nello statuto”

next