Dopo lo sbarco a Valencia parlano gli operatori di Aquarius, la nave di Sos Mediterranee divenuta simbolo del rifiuto italiano di accogliere i migranti. Dopo i giorni in nave, Alessandro Porro e Massimo Belletti, i due volontari a bordo di Aquarius, danno la loro versione dei fatti, raccontando il sentimento del non sapere cosa fare in mezzo al mare e ripercorrendo il doloroso momento dei dispersi “Più che finire nelle mani dei libici volevano finire in fondo al mare”, hanno spiegato. “Nel momento in cui vengono rimosse dall’area delle operazioni delle unità di ricerca e salvataggio c’è un enorme rischio che la mortalità in mare aumenti”, ha aggiunto Nicola Stalla, coordinatore Salvataggi per Sos Mediterraneé, “Crediamo che questo sia un punto di svolta”, ha concluso Porro, “tra la scelta di un soccorso organizzato in mare e il Medioevo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Aquarius, contro l’immigrazione si è scelto l’autoritarismo

next
Articolo Successivo

Disabilità, il tribunale di Roma condanna Flixbus per condotta discriminatoria

next