Il salone di Parigi continua a perdere pezzi. Dopo i recenti forfait di Opel e Volkswagen, ora tocca Fiat, Alfa Romeo e Jeep disertare la kermesse francese, lasciando alla sola Ferrari (dopo lo spin off del 2015 da FCA) l’onere e l’onore di rappresentare i colori dell’industria nazionale. Anche perchè l’altro marchio di lusso, Maserati, non sarà presente con uno stand tradizionale, ma piazzerà le sue auto nella zona Mondial Limited, dedicata alle supercar.

Quella di saltare i saloni autunnali europei sta diventando un’abitudine per Fca, che l’anno scorso non partecipò nemmeno al salone di Francoforte, che si alterna con quello di Parigi.

A Torino e Detroit pensano, come altri costruttori del resto, che i ritorni pubblicitari e di vendite non giustifichino la partecipazione agli show tradizionali. Meglio concentrare le risorse su eventi singoli. Come del resto farà Volkswagen, che metterà in piedi solo “diverse attività di comunicazione” in quell’occasione.

Facendo dunque un pò di conti sugli assenti, si scopre che quello di Porte de Versailles sarà uno show piuttosto scarno. All’appello mancheranno infatti Fiat, Alfa Romeo, Jeep, Opel, Volkswagen, Ford, Infiniti, Mazda, Mitsubishi, Nissan, Subaru e Volvo. Una morìa che avvalora la tesi secondo cui le formule dei saloni tradizionali, salvo poche eccezioni come Ginevra, siano ormai arrivate al capolinea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nissan Navara OFF-ROADER AT32, un pick-up duro e puro per ripulire le spiagge – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Mercato auto, a maggio nessun sussulto in Europa: +0,6% nelle immatricolazioni

next