“Al momento non abbiamo ancora ricevuto comunicazioni ufficiali. L’ultima, da parte dell’Mrcc di Roma, l’abbiamo avuta ieri sera (domenica 10 giugno, ndr)”. A dirlo è Alessandro Porro, soccorritore volontario a bordo della nave Aquarius, che ha tratto in salvo 629 migranti. “Il porto di Valencia è troppo lontano, ci vogliono giorni per raggiungerlo. Stasera terminiamo il cibo altamente energetico che generalmente distribuiamo ai migranti” continua. “In loro sta salendo la preoccupazione, ci chiedono dove li porteremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Foggia, pistolettate nel video rap ‘Mafia’ girato nel paese sciolto per infiltrazioni: perquisizioni per trovare l’arma

next