Si trovava in cima a una piattaforma mobile un operaio di 31 anni, originario del Bangladesh e residente a Torino, quando è rimasto schiacciato e ha perso la vita.

L’incidente è avvenuto in tarda mattinata a Piacenza, nel cantiere di un capannone in costruzione. Immediato l’intervento dei soccorritori, che hanno cercato invano di rianimarlo. Sul posto anche la polizia e gli ispettori del lavoro, che stanno indagando per chiarire le dinamiche dell’accaduto.

Nei primi quattro mesi del 2018 le morti sul lavoro sono state 286, il 9,2 per cento in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In particolare, comunica l’Inail, l’aumento è dovuto ai casi “in itinere”, cioè agli incidenti avvenuti nel tragitto da casa al posto di lavoro e viceversa. Il numero più alto di vittime si è registrato nel settore industriale e riguarda soprattutto i lavoratori maschi (le cui morti sono aumentate da 225 a 248 nel primo quadrimestre dell’anno).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, lavoratrice deve curare il marito malato: i colleghi le cedono ore di ferie

prev
Articolo Successivo

Lavoro, l’Italia è una Repubblica fondata sullo stage. Non lamentiamoci delle culle vuote

next