Proposte editoriali da suggerire a chi passa di qua, con mezza cartella di incipit, mezza con un brano a scelta dell’autore, mezza con la quarta di copertina, mezza con le note su chi ha scritto. Le modalità per proporre un inedito sono in questo post. E buona lettura.

Kalista di Sergio L. Duma

Incipit

So che mi considerate pazzo ma non sono pazzo. Ho ucciso Nico, d’accordo, ma non capite che ho salvato il mondo. È facile etichettarmi come psicopatico e soprattutto omofobo. Quest’ultimo termine non può mancare mai, vero? Ormai classificare qualcuno come omofobo è un cliché, esattamente come usare i termini bigotto, retrogrado o fascista. Così si mette a tacere chi è fuori dal coro e non si adegua al pensiero unico dominante. Conosco i vostri metodi. Li ho sperimentati sulla mia pelle. Li sperimento anche adesso. Non vi biasimo, però. Vi hanno fatto il lavaggio del cervello e non sapete nulla. Ecco perché vi racconterò tutto. Voglio cercare di farvi capire. Non è mia intenzione giustificarmi. Ho affrontato le conseguenze delle mie azioni. Sono altresì convinto che non mi crederete. Tuttavia, presto comprenderete che tutto ciò che racconterò è autentico e forse cambierete opinione sul mio conto.

Brano scelto dall’autore

«Ehi.»
«Ciao.»
«Ciao. È uno sballo iniziare la giornata con la tua voce sexy… chiamarmi sta diventando un’abitudine… una bella abitudine.»
«Fai il cretino un’altra volta e ti mando al diavolo. È un’eccezione. Un’ulteriore eccezione. Non ci saranno altre chiamate. Adesso ascoltami. Ieri mi sono dimenticata di dirti una cosa. Devi spiare Nico e farmi ogni giorno un resoconto preciso di tutto quello che dice e che fa.»
«Cavolo, Claudia… mi sto stufando con questi discorsi su Nico… insomma, si può capire che cos’ha di così importante quell’imbecille?»
«Lo farai, sì o no?»
«Io… sì.»
«Bravo. Ci vediamo stasera. Stesso posto, naturalmente, e stessa ora. Vedrai che ne varrà la pena, piccolino.»
«Non mi chiamare piccolino. Non ho niente di piccolino e lo sai.»
Claudia vorrebbe ridere ma se lo facesse lui si sentirebbe troppo figo. Meglio tenerlo sulle spine. Se si convince di essere brillante e spiritosto si farà dominare da eccessiva autostima. Non ha bisogno di persone piene di sé. Anche se è effettivamente spiritoso quando vuole. E, sì, non ha davvero niente di piccolo. L’ha sperimentato ieri sera. Lo saluta, quindi, e si concentra sulle cose da fare. Sarà bene parlare con Leo. Ha bisogno di lui. Non sa ancora come usarlo ma un alleato è utile. Dovrà manipolaro con il sesso. Con la sua energia femminile. Con l’energia di Kalista. È ciò che fa ogni seguace nei momenti opportuni. Non è un problema. Non lo è mai stato.

Quarta di copertina

A Speranza, un tipico paese della provincia italiana, un adolescente che frequenta il liceo ha ucciso Nico, un coetaneo gay. Una volta condannato per l’omicidio, inizia a rievocare il passato, spiegando a un uditorio non meglio identificato le ragioni che l’hanno spinto a uccidere il compagno di scuola. Il motivo non è l’omofobia, come tutti pensano, ma è più complesso.

Note sull’autore

Sergio L. Duma è nato e vive a Galatina (Lecce). Ha pubblicato racconti per Besa editore, Coniglio editore, Giulio Perrone Editore, Ef edizioni, la raccolta di racconti Il mondo dei sogni (Teomedia, 2014), i romanzi Isteria.Com (Inspired digital publishing, 2015), Scorpio baby Rose (Eretica edizioni, 2015), la raccolta di racconti I libri degli incubi (Teomedia, 2015) e i romanzi Campo di concentramento senza lacrime (Panesi editore 2016),Tempi terribili (Teomedia, 2016), La farfalla nera (Gds edizioni, 2016), Arcani maggiori (Bibliotheka edizioni, 2017), il saggio Benvenuti a Twin Peaks (Panesi editore, 2017) e il romanzo Le voci dei morti (Edizioni Montag, 2017). s.duma@libero.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Donne in Medio Oriente, oltre gli stereotipi. Storie al femminile nella narrativa araba

prev
Articolo Successivo

NováVlna, una nuova collana per riscoprire i capolavori della letteratura ceca

next