“Signor Presidente, Lega e M5s non le hanno messo in testa una corona. Si guardi bene allo specchio: è il cappello di Pinocchio“. È un passaggio dell’intervento di Giorgio Mulé, deputato di Forza Italia, prima del voto di fiducia alla Camera al governo guidato da Giuseppe Conte. “Presidente – ha continuato Mulé – lei ha pronunciato 5934 parole nel suo discorso, a Dante Alighieri ne servirono 942 per scrivere il primo canto dell’Inferno, e lui si che determinò un cambiamento”.