“Si parla tanto di immigrazione. Non sono un politico e non voglio fare politica, però io sono nato in Italia, cresciuto in Italia, e, purtroppo, mai stato in Africa” ha dichiarato Mario Balotelli alla conferenza stampa di presentazione del libro di Alessandro Alciato ‘Demoni’. “Eppure ho ottenuto la cittadinanza italiana soltanto a diciotto anni“, ha aggiunto il calciatore. “Credo che la legge debba cambiare: non sono un politico, non è il mio campo, ma se devo fare un appello per questo lo faccio”. Immediata è arrivata la risposta del neo ministro dell’Interno Matteo Salvini, che su Twitter chiama in causa la legge mai approvata sullo ius soli (non citata da Balotelli): “Caro Mario, lo ‘ius soli‘ non è la priorità mia, né degli italiani. Buon lavoro, e divertiti, dietro al pallone”.

Il botta e risposta fra il leader della Lega e l’attaccante della Nazionale, richiamato in Italia dal neo ct Roberto Mancini, era già iniziato qualche giorno fa. Di fronte all’ipotesi che Balotelli possa essere scelto come capitano degli azzurri (“un bel segnale per gli immigrati“, aveva commentato lo stesso calciatore), Salvini aveva dichiarato che per quel ruolo serve “umiltà”, a prescindere dal colore della pelle. “Magari Balotelli mi stupirà, ma negli anni passati, sia in campo che fuori, non mi è sembrato una di quelle persone umili, in grado di fare squadra, anzi metteva in disaccordo tanti”, aveva aggiunto il ministro.

Contro Balotelli Salvini si era espresso anche nella serata di lunedì durante un comizio a Fiumicino. “Abbiamo tanti nemici, ci hanno attaccato Soros, uno dei più grandi speculatori mondiali, Balotelli, ognuno ha i profeti che merita, e Saviano, che ho querelato”, aveva dichiarato il leader del Carroccio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gay, Corte Ue riconosce i matrimoni: il coniuge di un cittadino europeo ha uguali diritti anche se dello stesso sesso

prev
Articolo Successivo

Teatro, 80 attori disabili sul palco a Milano. “Recitare mi spinge a superare la paura e a farmi sentire”

next