Il governo Conte alla prova del Parlamento. Oggi tocca al Senato dove si inizia a votare per la fiducia alla alle ore 19.30. Domani alle 17.30 toccherà alla Camera. A Palazzo Madama, primo vero banco di prova, il nuovo governo può contare su 167 voti certi, 6 in più rispetto alla maggioranza assoluta. In Senato infatti, ci sono 58 senatori della Lega e 109 del Movimento 5 stelle.

In realtà, però, a votare la fiducia ci dovrebbero essere almeno altri 4 senatori, facendo salire la maggioranza a quota 171. Quando il premier Giuseppe Conte ha tenuto le sue consultazioni preliminari, la promessa di un voto positivo anche di Maurizio Buccarella e Carlo Martelli, senatori eletti nelle fila del M5S, gruppo al quale però non si sono poi potuti iscrivere per scandali di varia natura. Hanno annunciato il loro sostegno anche i senatori Ricardo Antonio Merlo e Adriano Cario, esponenti del gruppo Maie, eletti all’estero.

A Palazzo Madama, poi, si studiano le mosse del gruppo delle Autonomie, che in linea teorica potrebbero far salire la quota di maggioranza sino a 174-175 sì. Durante le consultazioni, il gruppo non aveva chiuso al premier.

Al Senato il gruppo di Fratelli d’Italia, che conta 18 senatori, si asterrà. In un primo momento era invece orientato verso il No alla fiducia. Ma, dopo gli ultimi contatti con Matteo Salvini, il partito di Giorgia Meloni ha cambiato linea e ha annunciato l’astensione. I voti contrari, di conseguenza, dovrebbero essere 61 da Forza Italia, 52 dal Pd, più alcuni componenti del gruppo Misto, come Emma Bonino. Alla Camera, invece, l’esecutivo giallo-verde ha una maggioranza ben più ampia, con 346 voti a favore (222 deputati M5S e 124 leghisti). Sono 30, quindi, i voti di scarto rispetto alla maggioranza assoluta di 316. Anche qui i consensi potrebbero aumentare, sempre grazie ad alcuni deputati ex M5S e ad alcuni componenti del gruppo Misto. FdI – come al Senato – dovrebbe astenersi. All’opposizione, ancora una volta, ci saranno Forza Italia, Pd e LeU.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Fedriga insiste: “Salvini ha ragione, dalla Tunisia molte persone scappate da carceri”. Ma Tunisi: “Caso chiuso”

prev
Articolo Successivo

Governo Conte, il primo discorso del presidente “terzo”: “Populisti? Sì se significa ascoltare i bisogni della gente”

next