“La scelta più coerente rispetto alla fiducia a questo governo credo sia l’astensione: poi valuterò volta per volta le scelte dell’esecutivo, senza pregiudizi ma solo nell’interesse del popolo italiano”. Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre annunciando in Senato le sue intenzioni di voto sulla fiducia al governo guidato da Giuseppe Conte. Standing ovation unanime (e commossa) quando Segre ha ricordato le leggi razziali e la sua esperienza da deportata. “Mi opporrò con tutte le energie che mi restano a leggi speciali contro i popoli nomadi” ha aggiunto la senatrice, con particolare riferimento a Rom e Sinti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Morra (M5s) contro Renzi: “Nostro presidente cita filosofi e letterati russi, lui i Jalisse e le serie televisive”

next
Articolo Successivo

Governo Conte, dai cartelli di Faraone alle smorfie di Renzi: tutte le immagini del giorno della fiducia – FOTO

next