“La scelta più coerente rispetto alla fiducia a questo governo credo sia l’astensione: poi valuterò volta per volta le scelte dell’esecutivo, senza pregiudizi ma solo nell’interesse del popolo italiano”. Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre annunciando in Senato le sue intenzioni di voto sulla fiducia al governo guidato da Giuseppe Conte. Standing ovation unanime (e commossa) quando Segre ha ricordato le leggi razziali e la sua esperienza da deportata. “Mi opporrò con tutte le energie che mi restano a leggi speciali contro i popoli nomadi” ha aggiunto la senatrice, con particolare riferimento a Rom e Sinti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Morra (M5s) contro Renzi: “Nostro presidente cita filosofi e letterati russi, lui i Jalisse e le serie televisive”

prev
Articolo Successivo

Governo Conte, dai cartelli di Faraone alle smorfie di Renzi: tutte le immagini del giorno della fiducia – FOTO

next