Scappato dalla Siria a vent’anni, per evitare di essere richiamato dall’esercito del regime a reprimere nel sangue le proteste popolari contro Assad che in quei mesi riempivano pacificamente le piazze, nel 2012 Mahmoud è riuscito a raggiungere il Libano e da lì prima l’Egitto e poi la Libia. Dopo tre anni di lavoro come operaio a Tripoli, il giovane siriano è riuscito a mettere insieme i soldi necessari per il viaggio della speranza sui barconi che partono verso l’Europa. Salvato da una nave norvegese operativa in acque internazionali nell’ambito dell’operazione Triton, Mahmoud è sbarcato assieme ad altri 950 profughi a Reggio Calabria il 7 maggio 2016. Unico arabo di carnagione chiara nell’imbarcazione, è stato arrestato e trasferito in carcere, senza comprendere quanto stava avvenendo e in mancanza di mediatori che potessero spiegarglielo. Solo dopo i alcuni giorni, Mahmoud ha capito di essere stato scambiato per uno scafista, e di dover affrontare un processo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Un anno e mezzo dopo, come emanato nella sentenza di assoluzione del novembre scorso, l’accusa si è rivelata completamente infondata. Così, dopo oltre un anno e mezzo di carcere da innocente, il ventisettenne è stato fatto uscire di prigione, senza l’indicazione di percorsi di inserimento sociale, condannato a vivere in strada con, come uniche relazioni, quelle strette in carcere. Solo grazie all’intervento di Saverio Pazzano, che nel carcere è insegnante di letteratura italiana, Mahmoud si è potuto inserire in una struttura di accoglienza, e con il supporto dell’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (Easo) ha ottenuto la ricollocazione in Olanda, in un paese a poche ore da Amsterdam dove da qualche giorno ha ricominciato la sua vita.

Secondo i dati del Ministero dell’Interno, dal 2013 a oggi, gli arresti di presunti scafisti in Italia sono stati oltre 1.500, ma quanti di questi erano davvero complici dei trafficanti e non semplici persone in viaggio verso una vita migliore obbligati a mettersi al timone da chi organizza i viaggi? Ulteriore beffa, nel caso di Mahmoud, è che lui alla guida dell’imbarcazione non c’è neppure stato: nessuno tra i passeggeri ha fatto il suo nome, come in altri casi avvenuto, anche a sproposito, per ottenere in cambio della collaborazione con la giustizia italiana il permesso di soggiorno. A distanza di due anni dallo sbarco, nessuno sa motivare con precisione perché, proprio lui, fosse stato fermato, se ci fossero altri motivi a parte l’avere la carnagione più chiara degli altri passeggeri del peschereccio alla deriva. Quello di Mahmoud non è un caso isolato, spesso procedimenti di questo genere hanno colpito persone sbagliate, per questo, come evidenzia Saverio Pazzano, “bisognerebbe ragionare sui rischi a cui vengono esposte queste persone, che una volta scagionate vengono lasciate a loro stesse, in strada, dove per la loro estrema fragilità rischiano di finire in pasto alla malavita”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa del Fatto, Murgia: “Donne e stampa? Difficile imporsi dal basso ma non demordo”. Berlinguer: “L’uguaglianza è un’illusione”

next
Articolo Successivo

Austria, meno soldi ai rifugiati che non parlano bene tedesco: richiesto livello B1

next