E se fosse il CNR a suggerire che il diesel, tutto sommato, non è poi così “cattivo” come sembra? Intervenendo in una conferenza di Unrae (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri), il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha spezzato una lancia a favore dei motori a gasolio di ultima generazione: nel suo rapporto il CNR sottolinea come, in tema di impatto ambientale, il dato da tenere d’occhio oggi e in futuro sia quello relativo alle emissioni di anidride carbonica.

Ed i ti-di Euro 6, specie nell’ottica delle nuove omologazioni, sono capace di emettere quantità di CO2 molto contenute, inferiore a quella degli omologhi a benzina. Tutto questo, naturalmente, vale per i turbodiesel più nuovi e non per quelli più vetusti. Inoltre i nuovi propulsori a gasolio sono in grado, secondo il CNR, di gestire gli ossidi di azoto (anche indicati col nome di “NOx”) in maniera più virtuosa, contenendone le emissioni entro i limiti imposti dalla legge. Senza contare che gli ultimi sviluppi tecnici promettono di limitare ulteriormente le emissioni di NOx fino a 10-15 mg/km. Mentre il livello degli incombusti gassosi (HC e CO) prodotti da un diesel Euro 6 sarebbe irrilevanti rispetto ad altre motorizzazioni.

A “pulire la coscienza” al diesel pensano anche i moderni filtri FAP in combinazione coi catalizzatori SCR (Selective Catalytic Reduction) che, come spiega il CNR, abbattono il particolato a livelli addirittura inferiori a quelli prodotti dall’usura di pneumatici e freni. E, anche a confronto con le motorizzazioni elettriche, il diesel riesce a conservare un certo vantaggio: infatti, le emissioni delle EV risultano inferiori a quelle dei veicoli a gasolio solo in termini di utilizzo puro.

Tuttavia, se si prende in considerazione l’intero ciclo di prodottofabbricazione inclusa, quindi – allora il diesel riuscirebbe a essere addirittura più pulito dell’opzione elettrica. In altri termini, ben venga la mobilità a zero emissioni, purché il passaggio alle EV vada di pari passo con un approvvigionamento energetico sostenibile (cioè con energia generata da fonti rinnovabili): e ciò impone una transizione tecnologica dall’endotermico all’elettrico puro che sia quanto più graduale possibile. In questi termini, l’ibridizzazione dei propulsori a gasolio potrebbe essere la chiave di volta in termini di impatto ambientale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emissioni, aperta indagine in Germania sui motori diesel Mercedes

next