Un programma di governo per portare l’Italia al voto: senza fiducia in autunno, altrimenti a inizio 2019. L’ex commissario alla revisione della spesa Carlo Cottarelli ha ricevuto l’incarico da Sergio Mattarella per formare un esecutivo “neutrale”, i cui membri si impegneranno a non candidarsi alle elezioni. Contattato già nella tarda serata di ieri, dopo la rinuncia al mandato di Giuseppe Conte e lo stop al governo M5s-Lega, Cottarelli è rimasto a colloquio con il capo dello Stato per circa un’ora. L’idea che dovrà realizzare è quella del governo “di servizio” che già il presidente della Repubblica aveva proposto il 7 maggio, dopo il fallimento delle trattative tra M5s e Pd. Il presidente incaricato ha rassicurato “sulla gestione prudente dei conti pubblici” e sul “dialogo costruttivo con l’Ue” e ha garantito “tempi molto stretti” per la presentazione della “lista dei ministri” al Quirinale. “Il presidente mi ha chiesto di presentarmi in Parlamento con un programma che porti il Paese a nuove elezioni”. La strada indicata da Cottarelli è un “programma che in caso di fiducia includa l’approvazione della legge di bilancio e poi preveda lo scioglimento del Parlamento e elezioni nel 2019. In assenza di fiducia il governo si dimetterebbe immediatamente e il suo compito è quello dell’ordinaria amministrazione per le elezioni dopo il mese di agosto”. Poi ha ribadito quello che già Mattarella aveva specificato quando per primo alla stampa aveva ipotizzato la nascita di un esecutivo super partes: “Il governo manterrebbe una neutralità completa rispetto al dibattito elettorale. Mi impegno a non candidarmi e chiederò lo stesso impegno a tutti i membri del futuro governo”. La parte finale del discorso è stata dedicata ai conti pubblici e al rapporto con l’Unione europea: “Negli ultimi giorni sono aumentate le tensioni sui mercati finanziari, lo spread è aumentato, tuttavia l’economia italiana è in crescita e i conti pubblici rimangono sotto controllo. Un governo da me guidato assicurerebbe una gestione prudente dei nostri conti pubblici. Il dialogo con la Ue in difesa dei nostri interessi è essenziale, deve essere un dialogo costruttivo, nel pieno riconoscimento del ruolo essenziale dell’Italia”. Cottarelli ha infine confermato la “continua partecipazione all’area dell’euro”.

Numeri alla mano, l’ipotesi che il nuovo governo possa ottenere la maggioranza in Parlamento è (quasi) impossibile. Movimento 5 stelleLega e Forza Italia (con Silvio Berlusconi) hanno annunciato il loro voto contrario. Non è in discussione invece il sostegno da parte del Partito democratico: “Siamo compatti per il Sì”, ha detto il segretario reggente Maurizio Martina.

Nel frattempo Salvini e Di Maio si sono incontrati anche oggi per avviare il lavoro nelle commissioni parlamentari, attraverso le quali, hanno spiegato, trasformeranno le misure del contratto di governo in progetti di legge. “Il contratto sarà buono anche tra 3-4 mesi” ha detto tra l’altro il segretario della Lega che però ha aggiunto anche che va riformata la legge elettorale, definita una “priorità”. Da parte sua Luigi Di Maio, invece, insiste sulla strada della messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L’incarico a Cottarelli, ha spiegato in un’intervista a Barbara D’Urso a Pomeriggio Cinque, è “assurdo“. Tra le altre cose Di Maio ha raccontato che Paolo Savona aveva accettato l’indicazione come ministro dell’Economia “a patto di non uscire dall’euro” e che per quel ruolo erano stati indicati anche Alberto Bagnai e Armando Siri. Una circostanza smentita ufficialmente dalla presidenza della Repubblica.

CRONACA ORA PER ORA 

20.07 – Leu discute se votare la fiducia a Cottarelli
Liberi e Uguali sta discutendo se votare la fiducia al governo guidato da Carlo Cottarelli e ha aggiornato la riunione dei gruppi parlamentari, che era convocata per questo pomeriggio, a domani mattina alle 10. Lo si apprende da fonti di LeU.

20.06 – Direzione Pd o mercoledì o giovedì
Una direzione nazionale del Partito democratico potrebbe svolgersi, a quanto si apprende, mercoledì o giovedì di questa settimana. Per la convocazione si attende però di conoscere il calendario dei passaggi del nuovo governo di Carlo Cottarelli e soprattutto quando si presenterà alle Camere per chiedere la fiducia.

20.05 – Renzi: “Mattarella ha diritto-dovere di intervenire sui ministri”
“Finché c’è questa Costituzione” il presidente della Repubblica “ha il diritto-dovere di intervenire sui ministri. Lo dico per la mia esperienza personale”. Così l’ex segretario dem Matteo Renzi, in una diretta Facebook.

19.58 – Renzi: “Abbiamo il dovere di reagire e scendere in piazza”
Per Matteo Salvini e Luigi Di Maio “la vita è solo una diretta Facebook e un ‘mi piacè. Sono la negazione di ciò che serve all’Italia. Stanno giocando sulla pelle degli italiani. Noi abbiamo il dovere di reagire, anche di scendere in piazza se necessario e preparsi a campagna che sarò tutto su questo: Europa sì- Europa no”. Lo ha detto Matteo Renzi in diretta Fb.

19.55 – Renzi: “Per il Pd è l’occasione della rivincita”
“E’ l’occasione di una rivincita del Pd ma anche di un salvataggio del Paese che può essere fatto non solo dal Pd. Dobbiamo allargarci, non restare chiusi. Occorrerà l’impegno di tutti. Noi ci saremo”. Lo dice il senatore Pd Matteo Renzi in diretta su Facebook. “Al lavoro tutti insieme, convinti. Perché questa Italia forte possa uscire vincitrice dalle prossime elezioni”, aggiunge. E ribadisce che in questo momento per i Dem “l’unica cosa che non si può fare è dividersi”.

19.50 – Fonti Pd: “Disponibili a sostenere sforzo di Mattarella”
“Il Pd è disponile a sostenere lo sforzo indicato dal Presidente della Repubblica Mattarella. Capiremo meglio nelle prossime ore il quadro che si definirà”. E’ quanto riferiscono fonti dem.

19.49 – Il primo giugno manifestazione Pd in difesa della Costituzione 
“Il Pd si mobilita a difesa della Costituzione, del Presidente della Repubblica e delle Istituzioni e lo fa promuovendo in particolare domani in tante piazze italiane iniziative aperte a tutte le realtà democratiche, presidi e manifestazioni. Venerdì 1 Giugno alle 17 sarà la volta di due grandi manifestazioni a Roma e a Milano”. Lo annuncia il reggente del Pd Maurizio Martina.

19.43 – Di Maio: “Con governo tecnico, viavai di parlamentari”
“Un governo tecnico sarebbe pericoloso, poi i parlamentari cominciano a muoversi e poi qualcuno compra qualcun altro, quindi è meglio andare a votare il prima possibile”. Così il leader del M5s Luigi Di Maio durante la registrazione del programma Matrix in onda su Canale 5.

19.43 – Di Maio: “Elezioni a ottobre, ma forse meglio settembre”
“Spero a ottobre, forse è meglio settembre”. Così il leader del M5s Luigi Di Maio risponde a una domanda su quando ci tornerà a votare, durante la registrazione di ‘Matrix’ in onda su Canale 5. “Sarà una campagna elettorale totalmente diversa – ha aggiunto – Sarà una sorta di referendum. Il panorama elettorale si sta polarizzando: sono rimasti M5s e Lega e se noi due siamo le parti lese di questa legislatura, gli italiani dovranno scegliere tra noi che ci siamo battuti cercando di fare un governo e gli altri”.

19.35 – Torino, in mille manifestano in sostegno a Mattarella
Oltre mille persone manifestano davanti alla prefettura di Torino, nella centrale piazza San Carlo, a sostegno della Costituzione e del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Una risposta al presidio organizzato ieri sera, nello stesso luogo, dal Movimento 5 Stelle per protestare contro il fallimento delle trattative per la formazione di un governo giallo-verde. In piazza tutto il centrosinistra unito; oltre alle bandiere del Pd, quelle di Moderati, Articolo Uno e Liberi Uguali. Al termine i manifestanti hanno intonato l’inno d’Italia e Bella Ciao.

19.29 – Orlando: “Aggressione a Mattarella è aggressione alla Repubblica”
“Vanno respinte con fermezza tutte le forme di aggressione al Capo dello Stato, sono aggressioni alla nostra Repubblica. Mattarella ha esercitato le prerogative che sono stabilite dalla Costituzione”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea orlando a margine di un evento alla Spezia sugli 80 anni dalle leggi razziali.

19.28 – Di Maio: “Senza fiducia a Cottarelli, stesse liste di candidati”
“Se parte un governo legittimato dalle Camere, allora scatta il secondo mandato, altrimenti si ripresentano le stesse liste”. Lo spiega Luigi Di Maio, leader politico dei Cinque Stelle, parlando della ricandidatura alle prossime elezioni in casa del M5S. “Penso che si voterà a settembre o ottobre, meglio a settembre”, aggiunge.

19.25 – Sistema economico milanese: “Siamo preoccupati”
Il sistema economico milanese, in una nota, esprime il “massimo rispetto per le decisioni prese dal Capo dello Stato, la più alta figura istituzionale della nostra Repubblica, che tutti sempre devono tenere nella più grande considerazione”. “Abbiamo, inoltre, piena fiducia nel ruolo – prosegue la nota – delle istituzioni che non vanno mai, per nessuna ragione, delegittimate: ciò creerebbe un danno all’intero Paese. La nostra nazione ha urgente necessità di un Governo nel pieno delle sue funzioni”.

19.23 – Di Maio: “Cottarelli non si permetta di fare nomine”
Questo governo, senza fiducia “non si deve permettere di nominare i vertici Rai, di partecipate e servizi”. Lo dice Luigi Di Maio, capo politico del M5S, intervenendo a Matrix, riferendosi al governo Cottarelli che sta nascendo.

19.23 – Di Maio: “Giorgetti ci ha detto che non ha competenze”
“Quando abbiamo parlato a Giorgetti, ha detto a me e Salvini: ‘se mettete me ai tavoli europei, io non ho conoscenze e competenze per avere i risultati a livello europeo'” per un eventuale ruolo del leghista al ministero dell’economia, in alternativa a Paolo Savona. A dirlo il leader del M5s Luigi Di Maio durante la registrazione di ‘Matrix’ in onda su Canale 5.

19.22 – Gentiloni twitta foto a manifestazione in difesa Costituzione
“Torino ora in piazza Castello in difesa della Costituzione e del presidente della Repubblica”. Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio uscente Paolo Gentiloni, pubblicando una foto della piazza torinese.

18.51 – Di Maio: “Governo Cottarelli anti-italiano, occupazione istituzioni”
“E’ certo che il governo Cottarelli non avrà la fiducia delle Camere. Per la prima volta nella storia avremo un governo che non ha il sostegno del popolo né del Parlamento. E’ vergognoso: sarà un governo anti-italiano di occupazione delle istituzioni. Voto subito! #IlMioVotoConta”. Lo scrive in un tweet il leader M5S, Luigi Di Maio.

18.47 – Spiegel: “Mattarella, l’uomo che non si piega”
“L’uomo che non si piega”: questo il titolo dell’edizione dello Spiegel online sul presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il capo dello Stato viene descritto come un uomo dallo stile “sempre silenzioso ma sempre coerente” nelle sue scelte politiche e “ora, in quanto custode della costituzione, viene considerato tra i politici più popolari d’Italia”.

18.47 – Di Maio conferma: “Ho fatto pervenire al Quirinale i nomi di Bagnai e Siri”
Il capo politico M5S Luigi Di Maio, a quanto si apprende, conferma di aver fatto pervenire al Quirinale i nomi di Alberto Bagnai e Armando Siri per uscire dall’impasse sul ministro dell’Economia.

18.45 – Cgil, Cisl e Uil: “Solidarietà a Mattarella”
“Caro presidente, desideriamo manifestarle la nostra viva preoccupazione per il perdurare di una crisi politica e istituzionale che ha pochi precedenti nella storia della nostra Repubblica. Intendiamo ribadire con forza il nostro impegno a difesa della Costituzione che fissa con chiarezza ruolo e prerogative del presidente della Repubblica e delle Istituzioni democratiche”. E’ quanto si legge in una lettera inviata dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

18.38 – Salvini: “Impeachment Mattarella? Non è una guerra tra me e lui”
“Io faccio una cosa se ne sono convinto e la studio. Non è una guerra Salvini-Mattarella”. Così Matteo Salvini, ospite di Pomeriggio cinque, a chi gli chiede dell’impeachment proposto da Fdi e da M5S contro il Presidente della Repubblica.

18.38 – Salvini a Mattarella: “Caro presidente, ci rivedremo tra qualche mese”
“Caro Presidente, ci rivedremo tra qualche mese. Saremo di più, più forti e il governo lo facciamo”. Così Matteo Salvini, ospite di Pomeriggio cinque.

18.29 – Salvini: “Bagni e Siri? Non lo so, non c’ero”
“Il Colle smentisce che Di Maio abbia fatto i nomi di Bagnai e Siri per il ministero dell’Economia in alternativa a Paola Savona? Non lo so, non c’ero”. Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di Barbara D’urso su Pomeriggio Cinque.

18.27 – Salvini: “Coalizione col centrodestra? Ci penserò”
“Ci penserò, ci penserò. Alla dignità e alla lealtà non rinuncio”. L’ha detto Matteo Salvini, leader della Lega ospite del programma tv da ‘Pomeriggio 5’ a proposito della sorte dell’alleanza con Forza Italia.

18.25 – Pd, Martina incontra capigruppo e vertici al Nazareno
Girandola di contatti e riunioni al Nazareno dei dirigenti Pd, per valutare come affrontare la crisi politica. Nel pomeriggio, a quanto si apprende, Maurizio Martina ha riunito i capigruppo Graziano Delrio e Andrea Marcucci, il presidente Matteo Orfini e il coordinatore Lorenzo Guerini, in vista delle assemblee dei gruppi di domani. Poco prima, Martina ha incontrato Dario Franceschini.

18.24 – Cottarelli riferirà a Mattarella non prima di domani
Il presidente del Consiglio incaricato, Carlo Cottarelli, riferirà al presidente della Repubblica non prima di domani. Secondo quanto si apprende Cottarelli non salirà al Colle questa sera.

18.22 – Salvini: “Ad alternative a Savona ci hanno detto di no”
“Abbiamo fatto qualche altro nome (in alternativa a Paolo Savona, come ministro dell’economia, ndr) ma ci è stato detto che non può farlo uno che va in Europa a dire che vuole rivedere i trattati”. Così il leader della Lega Matteo Salvini, negli studi tv di Pomeriggio Cinque.

18.19 – Di Maio: “Tradito da Salvini? No, solo gioco mediatico”
“Se è vero che Salvini ci ha tradito? Secondo me questo è un gioco che si sta utilizzando a livello mediatico per far sembrare che c’era un complotto e quindi dare un alibi a chi invece ci ha detto ‘non potete partirè. Non c’è stata malafede da parte nostra”. Così a ‘Pomeriggio Cinquè il leader M5S Luigi Di Maio.

18.12 – Di Maio: “Non vogliamo uscire dall’euro, Mattarella lo sa”
“M5S non voleva fare uscire l’Italia dall’euro. Non c’era nel contratto. Mattarella ce lo aveva chiesto. Ieri non ha detto una cosa esatta da quel pulpito”. Lo dice Luigi Di Miao di M5S a Pomeriggio Cinque.

18.04 – Il Quirinale a Di Maio: “Mai pervenuti i nomi di Bagnai e Siri”
Non risponde a verità la circostanza riferita dall’onorevole Di Maio a Pomeriggio Cinque che al presidente della Repubblica siano stati fatti i nomi di Bagnai e Siri come ministri dell’Economia. Lo precisa l’ufficio stampa del Quirinale.

18.02 – Di Maio: “Ultimo governo votato è stato quello di Berlusconi”
“L’ultimo governo votato in Italia è stato quello di Berlusconi nel 2001 che è stato buttato giù dallo spread. Ora hanno usato la stessa scusa e lo spread sale ancora”. Lo ha detto Luigi Di Maio del M5S, ospite di Barbara D’urso su Pomeriggio Cinque.

18.00 – Di Maio: “Spread stessa scusa usata per far cadere Berlusconi”
“Sapete cosa penso di Berlusconi ma devo dire che l’ultimo governo votato dal popolo è stato quello Berlusconi, nel 2011 lo hanno buttato giù con la scusa che lo spread saliva e ci hanno buttato giù con la stessa scusa, lo spread. In Italia le decisioni politiche le prendiamo noi o le banche e le agenzie internazionali”. Lo afferma il leader del M5S Luigi Di Maio a Pomeriggio Cinque.

17.59 – Salvini: “Proposto Conte come garante della non uscita dall’euro”
“Dire che il M5S e la Lega volevano far uscire l’Italia dall’euro è una bugia, tant’è vero che in questi giorni avevamo anche detto chiaramente al Quirinale ‘se volete il professor Conte si pone come garante della non uscita dall’euro dicendolo pubblicamente, facendo interviste su giornali esteri e incontrando capi di Statò”. Lo ha detto a ‘Pomeriggio Cinquè il capo politico del M5S, Luigi Di Maio.

17.58 – Di Maio: “Savona ci ha detto sì a patto di non uscire dall’euro”
“Savona lo abbiamo conosciuto io e Salvini dieci giorni fa, nessuno lo conosceva prima. Lui ci ha detto sì a patto e condizione che non si esca dall’euro. Conte, appena è uscito dall’incarico avuto da Mattarella, ha detto “io manterrò gli impegni internazionali”. Lo afferma Luigi Di Maio che attacca: “io non riesco a comprendere quello che è successo, ora vedere un premier come Cottarelli che non ha mai preso un voto venire in Parlamento a chiedere la fiducia è un altro atto gravissimo. Questi faranno le stesse cose che hanno fatto i governi tecnici, i governi Monti e Letta”.

17.56 – Di Maio: “Non voglio un governo fabbricato in provetta”
“Io sono stato un grande estimatore del presidente Mattarella, ma la scelta di ieri e stamattina la trovo totalmente incomprensibile. Io voglio un governo votato dagli italiani, non un governo fabbricato in provetta”. Lo dice Luigi Di Maio di M5S a Pomeriggio Cinque.

17.54 – Savona: “Conte ha avuto veti inaccettabili”
Se non avesse avuto “veti inaccettabili, perché infondati, il Governo Conte avrebbe potuto contare sul sostegno di Macron, così incanalando le reazioni scomposte che provengono dall’interno di tutti indistintamente i paesi membri europei verso le decisioni che aiutino l’Italia a uscire dalla china verso cui è stata spinta”. Lo afferma Paolo Savona in una nota su Scenarieconomici.it ricordando che il 28 e il 29 giugno è previsto un importante incontro tra Capi di Stato a Bruxelles. Chi rappresenterà – dice – le istanze del popolo italiano?

17.52 – Di Maio: “Incarico a Cottarelli? Assurdo”
“Non si può pensare che dopo che i cittadini hanno votato e si è creata una maggioranza che esprime un governo si rimandi a casa quel governo; e ancor peggio non si può pensare di poter prendere uno qualsiasi come Cottarelli che non ha preso un voto e gli dai un incarico di fare un governo sapendo che non ha i numeri in Parlamento. E’ assurdo”. Lo dice Luigi Di Maio (M5S) a Pomeriggio Cinque.

17.51 – Di Maio: “Come ministro dell’Economia abbiamo proposto anche Bagnai e Siri”
“Avevo fatto arrivare nomi alternativi a Savona, come Bagnai o Siri, nomi della Lega peraltro, ma non andavamo bene perché nel loro passato avevano espresso posizioni critiche sull’Ue e mi è stato detto che per questo le agenzie di rating o la Germania non le gradisce”. Lo afferma il leader del M5S Luigi Di Maio a Pomeriggio Cinque.

17.38 – Savona: “Ho subito un grave torto da Mattarella”
“Ho subito un grave torto dalla massima istituzione del Paese sulla base di un paradossale processo alle intenzioni di voler uscire dall’euro e non a quelle che professo e che ho ripetuto nel mio comunicato, criticato dalla maggior parte dei media senza neanche illustrarne i contenuti”. Così in una nota pubblicata su Scenarieconomici.it, il professor Paolo Savona.

17.33 – Potere al Popolo contro Mattarella: “La crisi è colpa sua”
“Mattarella si è reso responsabile di una grave crisi istituzionale pur di non accettare come ministro dell’Economia Paolo Savona considerato “euroscettico” e dunque non compatibile con i diktat dell’Unione Europea. Mattarella ha ammesso di non aver accettato Savona perché sgradito “ai mercati”, temendo “un segnale di allarme o di fiducia per i mercati”. La volontà dei mercati ha prevalso su quella dei cittadini. Piegandosi ai diktat di Bce e Fmi, Mattarella dà l’ incarico a Cottarelli, diretto rappresentante dei poteri forti della finanza e noto “tagliatore di teste” del FMI, ex strapagato plenipotenziario per la spending review”. E’ quanto si legge in una nota di “Potere al Popolo”.

17.31 – Berlusconi: “Alle urne unica soluzione: centrodestra unito”
“A chi mi chiede quale sarà il futuro del centrodestra rispondo che alle prossime elezioni non immagino altra soluzione che quella di una coalizione di centrodestra unità con Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, destinata sicuramente a prevalere anche per la possibilità di una mia candidatura”. Lo afferma Silvio Berlusconi in una nota.

17.28 – Berlusconi: “Forza Italia non voterà la fiducia al governo Cottarelli”
“Per quanto riguarda la fiducia al governo tecnico la nostra posizione non può che esser negativa”. Lo afferma in una nota Silvio Berlusconi.

17.27 – La polizia postale monitora le minacce sul web a Mattarella
La Polizia postale ha avviato un monitoraggio su siti web e social con l’obiettivo di segnalare all’autorità giudiziaria tutti quei comportamenti e dichiarazioni contro il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in cui si configurino reati perseguibili d’ufficio.

17.20 – Salvini: “Contratto di programma sarà buono tra 3 mesi”
“Abbiamo lavorato bene con i Cinque Stelle, dignitosamente, avevo dubbi all’inizio. Quel programma rimarrà, torna buon tra due-tre-quattro mesi”. Lo dice Matteo Salvini, leader della Lega, intervenendo alla registrazione di Matrix, in onda stasera su Canale 5.

17.20 – Salvini: “Il Parlamento deve cambiare la legge elettorale”
“Il Parlamento ha il dovere di cambiare legge elettorale, chi prende un voto in più ha diritto a governare”. Lo dice Matteo Salvini, durante la registrazione di Matrix, su Canale 5.

17.11 – Di Maio: “Consiglieri del Quirinale bugiardi”
“Più che il Presidente andrebbero messi in stato di accusa i suoi consiglieri. Non credeteci”. Lo afferma il leader del M5S Luigi Di Maio attaccando i consiglieri del capo dello Stato per aver diffuso la notizia che Savona era a favore dell’uscita dall’euro. “Sono balle. Un’altra bufala è quella per cui Mattarella ha tutto il diritto di scegliersi il ministro dell’Economia. Ma quando mai? Ma dove sta scritto? Quando dei ministri sono stati rifiutati c’erano dei motivi oggettivi. Gratteri era un magistrato in funzione, Previti era l’avvocato di Berlusconi (non si può trattare la cosa pubblica come un affare privato), Maroni non andò alla Giustizia perché aveva dei problemi giudiziari. Ma Savona che ha fatto? Ha scritto un libro? Esistono reati di opinione in Italia”, attacca Di Maio.

17.07- Di Maio: “Ministro condannato sì, se critichi l’Europa no”
“La situazione è molto grave, gravissima. Ieri si è sancito il concetto che può fare il ministro anche se sei un condannato, un indagato per mafia, per corruzione, uno che va a prostitute, ma guai se critichi l’Europa. Il voto degli italiani è stato totalmente svuotato dai suoi valori e questo non è accettabile”. Così Luigi Di Maio in un video su Fb in cui invita alla mobilitazione.

17.02 – Di Maio: “Da Mattarella atto ignobile”
“Ieri poteva partite un governo supportato da una maggioranza, è stato un atto ignobile bloccarlo”. Così il capo politico del M5S, Luigi Di Maio, dopo l’incontro con Matteo Salvini alla Camera.

17.01 – Di Maio: “Avanti con impeachment. Se la Lega c’è, è certezza”
“Siamo convinti ad andare avanti con l’impeachment, obbligheremo il Parlamento a discutere di quanto successo ma soprattutto faremo in modo che alle prossime elezioni non ci sia lo stesso Presidente”. Lo afferma in un video su facebook il leader del M5S Luigi Di Maio . “Se la Lega non fa passi indietro qui parliamo di una certezza assoluta. Non facciamo questa cosa a cuor leggero ero un estimatore di Mattarella ma la scelta di ieri è stata incomprensibile”, aggiunge.

16.59 – Di Maio: “Andrebbe messo in stato d’accusa qualche consigliere di Mattarella”
“Sono veramente deluso. Andrebbe messo in stato d’accusa qualche consigliere di Mattarella, più che il presidente, ma questo istituto non esiste”. Lo dice Luigi Di Maio, intercettato dai cronisti dopo aver incontrato Matteo Salvini.

16.56 – Di Maio: “Noi responsabili, domani incontro tra capigruppo M5s e Lega”
“Parte il governo ma nelle commissioni chi sarà la maggioranza e chi l’opposizione? Ci divertiremo, perché visto che si sta stravolgendo l’assetto istituzionale quelli responsabili saremo noi. Se non ci fanno realizzare il contratto dal governo lo realizziamo dal Parlamento”. Lo dice Luigi Di Maio al termine dell’incontro con Matteo Salvini. “Domani si incontrano i capigruppo di Lega e Cinque stelle” per fare “partire” le commissioni parlamentari, annuncia.

16.55 – Di Maio: “2 giugno grande manifestazione a Roma”
“Il 2 giugno invito tutti a venire a Roma per una grande manifestazione”. Lo afferma il capo politico M5S Luigi Di Maio chiamando alla mobilitazione, con un video su facebook, i cittadini.

16.50 – Di Maio: “La scusa dei mercati è una bufala”
“La scusa dei mercati è una bufala. I mercati sono preoccupati per l’instabilità e con la nascita di un governo politico non ci sarebbero stati problemi”. Così Luigi Di Maio su facebook.

16.50 – Di Maio: “Chiamo i cittadini alla mobilitazione”
“Chiamo i cittadini alla mobilitazione, fatevi sentire, è importante che lo facciate sin da ora. Organizzeremo delle manifestazioni pacifiche, simboliche”. Lo afferma il capo politico M5S Luigi Di Maio spiegando di aver appeso il Tricolore alle finestre degli uffici dei gruppi pentastellati e invitando a fare altrettanto ai militanti.

16.48 – Salvini: “Trasformiamo contratto in progetti di legge”
“E’ stato un incontro produttivo e costruttivo per trasformare in fatti il contratto di governo tramite le commissioni parlamentari. Quello che non può fare il governo perché nasce zoppo proveremmo a realizzarlo tramite il Parlamento”. Lo afferma Matteo Salvini ai cronisti. E a chi gli chiede di un’alleanza con il M5S, il leader della Lega sottolinea: “Non so, so che per tre settimane abbiamo lavorato seriamente ora vediamo di trasformare il contratto in due, dieci progetti di legge”.

16.45 – Salvini: “Centrodestra? Chiedete a Berlusconi”
“Chiedete a Berlusconi”. Risponde così Matteo Salvini, lasciando la Camera dopo aver incontrato Luigi di Maio a chi gli chiede del futuro del centrodestra.

16.42 – Di Maio: “Con Cottarelli vergognoso unicum nella storia del Paese”
“Ieri sera è stata la notte più buia della democrazia italiana, il Presidente della Repubblica ha deciso di scavalcare le sue prerogative costituzionali e non far andare al governo la forza che ha avuto 11 milioni di voti, il M5S. Adesso avremo un governo non solo non votato dal popolo ma anche dal Parlamento, un unicum nella storia della Repubblica”. Lo afferma in un video su facebook il leader del M5S Luigi Di Maio.

16.41 – Di Maio: “Avanti con impeachment, ma aspettiamo qualche giorno”

16.41 – Di Maio: “Alleanza con la Lega? Prematuro parlarne”

16.41 – Di Maio: “Chiamo gli attivisti alla mobilitazione”
“In qualità di capo politico chiamo tutti i nostri attivisti e sostenitori alla mobilitazione”. Così Luigi Di Maio su facebook.

16.39 – Di Maio: “Al voto prima possibile”
“Chiediamo di andare al voto il prima possibile”. Anche ad agosto? “Prima possibile”. Così risponde il capo M5S Luigi Di Maio, interpellato al termine dell’incontro alla Camera con Matteo Salvini.

16.38 – Di Maio: “Accordo con Salvini per realizzare contratto con commissioni”
“Lavoriamo per far partire le commissioni parlamentari e iniziare a realizzare il contratto di governo dal Parlamento. Finché non si va al voto il Parlamento ha un’unica maggioranza, M5S-Lega, e un contratto di governo da realizzare”. Lo dice Luigi Di Maio, al termine dell’incontro con Matteo Salvini.

16.23 – Cottarelli torna a Montecitorio
Il presidente del Consiglio incaricato Carlo Cottarelli è rientrato a Montecitorio, non più a bordo di un taxi ma di un’auto blu, dopo circa mezz’ora di colloquio con il presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati. “Non posso dir nulla”, ha risposto ai cronisti che gli chiedevano sui tempi della crisi.

16.11 – Di Maio e Salvini a Pomeriggio Cinque
Oggi, lunedì 28 maggio, dalle ore 17.15 circa, puntata speciale di Pomeriggio Cinque su i temi caldi della politica italiana. Barbara d’Urso intervisterà tra gli altri, alle 17.30 circa, Luigi Di Maio e alle 18 circa, Matteo Salvini.

16.06 – Adnkronos: “Incontro Di Maio-Salvini”
A quanto apprende l’Adnkronos, è in corso un vertice tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

16.05 – Galantino: “Ripartire su basi meno conflittuali”
“Auspico quello che il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, ha detto più volte, e cioè che ci possa essere la volontà di ricucire, di ripartire su basi meno conflittuali guardando al bene comune”. Così il segretario della Cei, monsignor Nunzio Galantino, sul nuovo governo.

15.58 – Merkel: “Collaboriamo con tutti, ma ci sono i principi dell’eurozona”
“Vogliamo collaborare con tutti i governi, ma ci sono anche dei principi nell’eurozona”. Lo ha detto Angela Merkel, rispondendo ad alcune domande sulle difficoltà future con l’Italia al Global Solutions Summit a Berlino. “Ovviamente ci saranno dei problemi. Anche all’epoca, con la Grecia di Tsipras, ci furono problemi, e poi ci siamo accordati”. “Lavorammo per molte, molte notti fino ad arrivare ad un accordo”, ha aggiunto. Ne vale la pena, per la cancelliera, “l’Italia è un membro importante dell’Ue”, ha concluso.

15.50 – Bonafede: “Alleanza con Lega? Per ora lasciamo perdere strategie”
“Lasciamo perdere per ora le strategie politiche”. Risponde così il deputato M5S, Alfonso Bonafede, nei pressi di Montecitorio, ai cronisti che gli chiedevano se ci fosse realmente la possibilità che alle prossime elezioni il Movimento possa correre in tandem con la Lega.

15.43 – Salvini: “Alleanza con il M5s? Il contratto resta valido”
Un’alleanza con il M5s? “Chiedete a Mattarella, lui ha potere di vita e di morte e sugli italiani. Siamo andati con una squadra, ci è stato detto no. Il contratto rimane valido, se Mattarella è d’accordo…”. Lo afferma Matteo Salvini ai cronisti prima di entrare nell’abitazione dove alloggia a Roma.

15.39 – Salvini: “Mattarella ha fatto l’arbitro che parteggia per una squadra”
“Oggi il governo non c’è perché il presidente della Repubblica ha fatto l’arbitro che parteggiava per una squadra”. Lo afferma Matteo Salvini prima di entrare nell’abitazione dove alloggia a Roma.

15.38 – Cottarelli: “Ce la farò? Vediamo”
Ce la farà? “Vediamo”. Così il presidente incaricato Carlo Cottarelli arrivando al Senato per l’incontro con Maria Elisabetta Casellati ha risposto sorridendo ai giornalisti.

15.32 – Macron elogia Mattarella: “Coraggio e responsabilità”
Il presidente francese, Emmanuel Macron, appoggia il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del quale elogia il “coraggio” e la “responsabilità”.

15.22 – Torino, M5s non partecipa al consiglio
Il Movimento 5 Stelle, per la prima volta dall’inizio del mandato, non partecipa oggi alla seduta del Consiglio comunale di Torino. La decisione per manifestare dissenso nei confronti di una “democrazia a sovranità limitata” e delle scelte del presidente Mattarella, che “mette in discussione il voto di tutti gli italiani”. “Le Istituzioni non possono diventare un palco per maschere tragiche, il nostro posto sarà in piazza tra i cittadini che speravano nel cambiamento”.

15.06 – Salvini: “I nomi non avevano l’ok dei poteri forti”
“Siamo andati al Quirinale con una squadra e un progetto, ma ci è stato di netto di no perhé su alcuni nomi non avevano l’ok dei poteri forti, di Berlino, dei mercati, di Bruxelles, dello spread e di Parigi, quindi chiedete a Mattarella”.

15.05 – Salvini: “Cottarelli? Chi è?”
“Cottarelli? Chi è? Bisogna chiederlo a Mattarella”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, intercettato nei pressi della Camera.

15.02 – Bonafede: “Nessun tradimento da Salvini”
“Non c’è stato nessun tradimento” da parte di Matteo Salvini, “abbiamo collaborato molto bene al contratto di governo”. Così il deputato M5S, Alfonso Bonafede, intercettato dai cronisti rientrando alla Camera.

15.01 – Renzi: “Presto al voto, la battaglia sarà sull’Europa”
“Si andrà molto presto alle elezioni, frutto dell’incapacità di governare di Lega e Cinque Stelle. Sarà una battaglia incredibile tra chi vuole uscire dall’Europa e chi vuole un’Italia forte ma dentro l’Europa. Sarà una battaglia tra chi combatte sulla base di fake news e chi porterà numeri, fatti, argomenti. Sarà una battaglia tra chi mette in discussione l’appartenenza atlantica dell’Italia e chi non vuole cambiare una linea di politica estera che l’Italia segue da 70 anni”. Così Matteo Renzi nell’e-news.

14.31 – Toninelli: “Ci saranno evoluzioni”
“Ci saranno evoluzioni”. È il commento lapidario di Danilo Toninelli, capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle entrando a Montecitorio.

13.53 – Fonti M5s all’AdnKronos: non escluso patto elettorale con la Lega
Potrebbe cadere un altro grande tabu del pianeta M5S dopo il nulla di fatto sul fronte governo M5s-Lega. A quanto apprende l’Adnkronos dai vertici grillini, non è esclusa un’alleanza con la Lega in vista del ritorno alle urne. Un’alleanza, viene spiegato, che si giocherebbe tutta sul programma di governo messo insieme nelle ultime settimane -siglato dai due leader Luigi Di Maio e Matteo Salvini- per dar vita all’esecutivo giallo-verde che non ha mai visto la luce.

13.50 – Toti: “Elezioni anticipate con nuova legge elettorale”
“L’orizzonte è chiaro a tutti ormai: le elezioni anticipate, a cui però occorre arrivare con una legge elettorale che davvero consenta la governabilità del Paese”. E’ l’appello alle forze politiche in Parlamento del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti (Forza Italia) oggi pomeriggio a Genova a margine di un incontro con la stampa. “Bisogna dare la possibilità di scegliere agli italiani – sottolinea Toti – le famiglie devono poter guardare al futuro senza l’incubo di un aumento dei prezzi al consumo, che cancellerebbe il refluo di ripresa del Paese”.

13.30 – Giorgetti: “Consiglio federale Lega per decidere cosa fare”
“Abbiamo convocato i gruppi domani mattina alle 10, poi facciamo consiglio federale, alle due. Lì decideremo cosa fare”. Lo ha detto il vicesegretario della Lega Giancarlo Giorgetti.

13.10 – Cottarelli a Montecitorio per incontrare Roberto Fico
Il premier incaricato Carlo Cottarelli è arrivato a Montecitorio dove è stato ricevuto dal presidente della Camera, Roberto Fico.

video di Alberto Sofia

13 – Gelmini: “Orizzonte le elezioni anticipate, ma senso di responsabilità”
“L’Italia sta vivendo uno dei momenti più difficili degli ultimi anni. Servono nervi saldi per evitare che il conto della crisi politica in atto sia pagato dalle tasche degli italiani. L’orizzonte ora sono le elezioni anticipate, a cui occorre però arrivare con i risparmi dei cittadini in sicurezza, con i conti pubblici in ordine e con una legge elettorale che consenta al Paese di essere governato”. Lo scrive su Facebook Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.
“Occorre, in questa fase -avverte Gelmini- evitare un cruento scontro istituzionale che potrebbe avere pericolose ripercussioni per la futura stabilità della nostra Repubblica. La richiesta di impeachment nei confronti del presidente Mattarella, come giustamente sottolineato ieri da Berlusconi, è un atto irresponsabile, che non condividiamo. Forza Italia c’è, con il suo senso di responsabilità, ed è pronta a tornare al voto con la stessa coalizione il cui programma è stato premiato dagli italiani lo scorso 4 marzo”, conclude.

12.53 – Cottarelli lascia il Colle: “Soddisfatto? Ma sì”
Carlo Cottarelli ha lasciato il Colle dopo il colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che gli ha conferito l’incarico da premier. Uscito a piedi con lo zaino sulle spalle, alla domanda se fosse soddisfatto, il neopresidente del Consiglio incaricato ha risposto: “Ma sì”. Il premier incaricato è andato via in taxi.

12.50 – Salvini: “Il Pd bocciato dagli italiani torna al governo grazie a Mattarella? Non è democrazia”
“Il Pd bocciato dagli italiani torna al governo, grazie a Mattarella? Questa non è democrazia, questo non è rispetto del voto popolare. È solo il colpo di coda dei poteri forti che vogliono l’Italia schiava, impaurita e precaria. Le prossime elezioni saranno un plebiscito, Popolo e vita vera contro vecchie caste e Signori dello Spread”. Così il segretario della Lega Matteo Salvini.

12.40 – Il discorso di Cottarelli
“Ho accettato l’incarico di formare un governo come mi ha chiesto il presidente della Repubblica. Sono molto onorato come italiano di questo incarico e naturalmente ce la metterò tutta. Il presidente mi ha chiesto di presentarmi in Parlamento con un programma che porti il Paese a nuove elezioni. Senza fiducia elezioni dopo agosto. Il governo manterrebbe una neutralità completa rispetto al dibattito elettorale. Mi impegno a non candidarmi e chiederò lo stesso impegno a tutti i membri del futuro governo”.

12.30 – Zampetti: “Mattarella ha affidato l’incarico a Carlo Cottarelli che ha accettato l’incarico con riserva”
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito a Carlo Cottarelli l’incarico di formare il governo. Cottarelli si è riservato di accettare”. Lo dichiara il segretario generale del Quirinale, Ugo Zampetti.

12.30 – Grillo: “Il mercato parla al posto di milioni di italiani”
“Questa mattina sono uscito e ho visto questa cosa avvilente, le persone non parlano, guardano nel vuoto, come se fossero state sostituite da un alieno come nei film di fantascienza. Perché la gente non parla? Perché è avvilita la gente? Perché c’è qualcuno che parla al posto di milioni di italiani: il mercato. Il mercato oggi è lo pseudonimo del capitalismo più avvilente e di predazione che abbiamo in Italia”. Lo afferma, in un video su Facebook, Beppe Grillo.

12.25 – Alla Conferenza di Parigi andrà l’ambasciatrice in Francia e non Belloni.
Con riferimento alle notizie circolate sul rappresentante dell’Italia alla Conferenza di Parigi sulla Libia di domani, la Farnesina rende noto che alla riunione è stata incaricata di partecipare l’Ambasciatore italiano a Parigi, Teresa Castaldo. Non è prevista la partecipazione del Segretario Generale della Farnesina, Ambasciatore Elisabetta Belloni.

12.20 – Martina: “Pd unito, voteremo sì a Mattarella”
“Questa è una situazione delicata. Faccio fatica ad immaginare una legislatura che vada avanti. Ora bisogna dare una mano al presidente Mattarella. Noi del Pd dobbiamo essere pronti ad ogni scenario e lavorare uniti ed aperti. Abbiamo tutte le condizioni per fare bene”. Lo dice Maurizio Martina, segretario reggente del Pd, ospite poco fa di Gerardo Greco su Rai Radio 1 a Gioco a premier. E a una domanda sulla fiducia a Carlo Cottarelli, risponde: “Voteremo sì”.

12.10 – Fraccaro (M5s): “Mattarella se ne pentirà”
“Quando l’Assemblea discuteva dell’articolo 92 della Costituzione il Presidente Terracini sottolineò: ‘È assurdo pensare che il presidente della Repubblica possa presumere di scegliere egli stesso i ministri’. I padri costituenti censuravano ogni deriva. Mattarella se ne pentirà. #NonFinisceQui”. Lo scrive su Facebook il deputato Questore di Camera Riccardo Fraccaro del Movimento 5 Stelle, allegando il resoconto stenografico dell’Assemblea Costituente del 9 gennaio 1947 con il monito di Umberto Terracini.

11.55 – Salvini: “Alleanza con i 5 stelle? Ora sono troppo incazzato. Ci devo ragionare a mente fredda”
“Mi faccia ragionare a mente fredda… sono ancora troppo incazzato per fare questo tipo di ragionamenti”. Così Matteo Salvini rispondendo a chi ipotizza un’alleanza tra Lega e M5S in caso di nuove elezioni. “Quando mi passano rabbia e delusione ragiono di tutto il resto”, dice ai cronisti a Montecitorio che gli chiedono se questo tipo di alleanza sia da escludere in vista di una nuova possibile campagna elettorale.

11.53 – Salvini: “Cottarelli? Perfetto rappresentante dei poteri forti”
“Cottarelli non lo conosco, ho letto in questi giorni che tutto quello che proponevamo secondo lui non andava bene. Ho letto il suo curriculum, è il perfetto rappresentante della finanza e dei poteri forti che hanno fermato la nascita del governo del cambiamento per cui auguri a lui ma soprattutto agli italiani”. Così il leader della Lega Matteo Salvini rispondendo ai cronisti a Montecitorio che gli chiedono della scelta di Carlo Cottarelli da parte del Capo dello Stato.

11.50 – Di Stefano (M5s): “Da Mattarella ingerenza politica bella e buona”
La richiesta di impeachment per il presidente Mattarella “la presenteremo appena possibile”, in base ai tempi tecnici. Ci stiamo riunendo per decidere”: Lo dice Manlio Di Stefano secondo cui “da parte di Mattarella c’è stata una ingerenza politica bella e buona”.

11.45 – Cei: “Il popolo paga il prezzo più alto, vicinanza a Mattarella”
“Ognuno cerca di motivare le proprie ragioni, ma alla fine si rischia che a pagare il prezzo più alto sia quel popolo in nome del quale tanti parlano”. Lo dice monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, confermando la “vicinanza” al presidente Sergio Mattarella, che “accompagno con la preghiera”. Galantino ricorda che “i momenti di tensione non si superano intensificando la stessa, ma individuando percorsi che non possono essere al di fuori della Carta costituzionale”. All’indomani dell’apertura della crisi politica e istituzionale con la rinuncia presentata da Giuseppe Conte al capo dello Stato, il numero due della Conferenza episcopale italiana aggiunge: “Tutti pagano da queste situazioni, i poveri ancora di più perché hanno meno tutele. Ma a perderci siamo tutti, come immagine dell’Italia perché all’esterno mostriamo una incapacità a guardare nella stessa direzione. Penso ci sia bisogno di un sussulto di dignità da parte di tutti, di attenzione e si voglia di incontro in nome del bene comune”.

11.40 – Portavoce Merkel: “Rispetto per le istituzioni democratiche dell’Italia”
“L’Italia è un partner importante per la Germania” e il “rispetto per le istituzioni democratiche del Paese” richiede che si attenda quale Governo verrà insediato. Lo ha detto Steffen Seibert, portavoce di Angela Merkel, rispondendo a una domanda sugli sviluppi della situazione politica italiana e sulla richiesta di impeachment a Sergio Mattarella. Seibert ha sottolineato il rapporto di “amicizia” che esiste fra Germania e Italia.

11.35 – Germania: “Speriamo che l’Italia abbia presto un governo stabile pro Ue”
“Speriamo che l’Italia abbia presto un governo stabile pro-europeo”. Così il ministro tedesco agli Affari europei Michael Roth, sottolineando che Berlino “deve trattenersi dal dare lezioni sulla formazione di un governo” in quanto “dopo tutto a noi ci sono voluti sei mesi”. “L’Italia è un Paese fondatore dell’Ue, abbiamo sempre potuto contare sull’Italia come Paese amico dell’integrazione con cui abbiamo lavorato molto da vicino e con fiducia, e ci aspettiamo che l’Italia sia all’altezza di questa tradizione in futuro”.

11.25 – Cottarelli al Colle
Carlo Cottarelli è al Quirinale per incontrare il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. L’ex commissario alla spending review è arrivato alla stazione Termini e quindi al Colle in taxi.

11.20 – Elisabetta Belloni rappresenterà domani l’Italia alla Conferenza di Parigi sulla Libia
La segretaria generale del ministero degli Esteri italiano, Elisabetta Belloni, rappresenterà domani l’Italia alla Conferenza di Parigi sulla Libia. Lo si è appreso da fonti dell’Eliseo, che hanno sottolineato il ‘lavoro eccezionalè svolto ‘mano nella mano fa Francia e Italia fin dal mese di gennaiò sull’organizzazione di questa conferenza. Sulla rappresentazione dell’Italia alla conferenza, le fonti hanno dichiarato: ‘al momento sappiamo che sarà presente Elisabetta Belloni ma vista l’attualità non sappiamo cosa succederà oggi in Italia”.

11 – Mulè (FI): “Non voteremo Cottarelli”
Sulla possibilità che Carlo Cottarelli, chiamato al Quirinale nel tentativo di formare un governo tregua, possa raggiungere i numeri per governare, Mulè precisa: “Il parlamento attuale dice in maniera chiarissima che il governo di Cottarelli non avrà mai i numeri per avere la maggioranza in Parlamento. Forza Italia e tutto il centrodestra non darà i voti a un governo tecnico e nemmeno i Cinque Stelle, quindi è un governo che nasce già minoritario. Infine, alla domanda su quale potrebbe essere il candidato premier del centrodestra in caso di nuove elezioni, Mulè risponde: ‘Rimarrà la stessa regola che chi prenderà più voti all’interno della coalizione deciderà il premier, con la differenza che se Berlusconi deciderà di tornare in campo alle prossime elezioni potrà guidare Forza Italia facendo la differenza rispetto alla vittoria”.

10.45 – Salvini: “Il Colle ha detto no a un’idea”
“Il problema non è che mi ha detto no ad un nome, ma ha detto no a un’idea”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini, giungendo a Montecitorio, riferendosi alle resistenze del Quirinale sulla nomina di Paolo Savona al Mef.

10.30 – Di Battista: “Partirò domani, ma torno non appena ci dovesse essere bisogno di me”
“Partirò domani ma tornerò non appena ci dovesse essere bisogno di me. Ieri ho parlato con Luigi (Di Maio, ndr) e gli ho detto tutto questo. Difficilmente si voterà prima dell’estate ma non appena ci dovesse essere una data certa tornerò in Italia perché voglio insegnare a mio figlio ad essere libero ma anche a credere e lottare per le proprie idee”. Così, su Facebook, Alessandro Di Battista, in partenza domani per l’America, annuncia il suo ritorno in Italia per la campagna elettorale.

10.25 – Salvini: “Costituzione non impedisce di cambiare le regole Ue”
“Ho letto e riletto la Costituzione e non c’è nessun articolo che proibisca di cambiare le regole Ue”. Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, giungendo a Montecitorio. “E’ una follia”, ha sottolineato ancora, dicendosi “incazzato nero” per quanto accaduto.

10.20 – Salvini: “Berlusconi difende Mattarella? Sbaglia”
“Ha sbagliato”. Così Matteo Salvini, arrivando a Montecitorio, risponde a chi gli fa notare che l’alleato Silvio Berlusconi ha difeso, in queste ore, l’operato del Presidente della Repubblica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Se Berlusconi vota Cottarelli, addio alleanza”. Brunetta: “Diremo sì per difendere risparmi”

prev
Articolo Successivo

Governo, nemmeno Mattarella potrà fermarci. La vera sfida di M5s inizia ora

next