Meno di 24 ore dopo aver ricevuto l’incarico da presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha debuttato in rete. Gli account ufficiali sono gestiti dallo staff, che per il momento è quello del Movimento 5 stelle. I profili ufficiali sono: Twitter (@GiuseppeConteIT), Instagram (giuseppeconte_ufficiale), Facebook (GiuseppeConte64). Tutti i nuovi canali sono stati validati e verificati (hanno ricevuto la spunta blu).

Nonostante fosse stato indicato da Luigi Di Maio come possibile ministro della Pubblica Amministrazione in un governo del Movimento 5 Stelle prima delle elezioni, Giuseppe Conte era sconosciuto ai più fino a qualche giorno fa in cui è iniziato a circolare il suo nome. I primi ad apparire su Twitter e Facebook sono stati gli account fake che hanno iniziato a raccogliere follower (ignari o meno ignari). Da ieri sera i post sui canali social di Giuseppe Conte vengono ripresi dai social network ufficiali del Movimento 5 Stelle. Attualmente i nuovi canali del premier incaricato contano: su Instagram 15.600 follower, 6 post e nessun profilo seguito, su Facebook 99.256 mi piace e seguito da 110.242 persone, su Twitter Giuseppe Conte è seguito da 9.466 utenti ma dopo soli due tweet non segue ancora nessuno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emissioni, aperta indagine in Germania sui motori diesel Mercedes

prev
Articolo Successivo

Governo, i titoli dei media internazionali. Le Monde: “L’Italia sprofonda nel caos”. SZ: “Tempi più drammatici da 30 anni”

next