Giuseppe Esposito, 20enne e malato di fibrosi cistica, era ricoverato nel reparto trapianti del Policlinico Umberto I di Roma dal 5 maggio. Doveva fare delle analisi per verificare la possibilità di un trapianto di polmoni. Ma in meno di due settimane la situazione è precipitata: “Giuseppe ha inviato un messaggio a mia madre chiedendo di denunciare tutti, che lo stavano uccidendo“, ha raccontato la sorella Michela a Il Tempo. “Ci siamo precipitati in ospedale e abbiamo appurato che i sanitari stavano effettuando le cure e che il problema era legato al macchinario, l’Ecmo che serve per abbassare il livello di anidride carbonica nel sangue, a cui doveva essere sostituito il filtro“. Il giovane è stato poi dichiarato morto la mattina del 17 maggio.

Dopo la denuncia dei familiari, la procura di Roma ha aperto un fascicolo per capire le cause del decesso. Il pm Roberto Felici ha disposto l’autopsia e il sequestro del macchinario dove era attaccato Esposito, il suo cellulare e la cartella clinica. “Mio fratello era lucido e vigile”, ha spiegato la sorella, “ma dopo avere effettuato la tracheotomia, a partire dalla sera di domenica 13 maggio le sue condizioni sono cominciate a peggiorare”. Poi dopo pochi giorni i familiari sono stati informati che “la situazione era drammaticamente precipitata: ci hanno fatto entrare nel reparto e alle 7.20 è stata dichiarata la morte di Giuseppe”. Sulla vicenda è intervenuta anche la Regione Lazio, che ha chiesto al Centro regionale rischio clinico (Crrc) una relazione per “avere un quadro completo della situazione”. Lo ha comunicato in una nota l’Assessorato alla sanità e integrazione socio-sanitaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, si è dimesso l’assessore alle Partecipate Alessandro Gennaro: si tratta dell’ottavo addio alla giunta Raggi

next
Articolo Successivo

Ikea, “per mio figlio autistico niente area giochi perché ha il vizio di togliersi calze”. La replica: “Norme igieniche e sicurezza”

next