Union Valdôtaine primo partito, ma racimolando il minor numero di voti degli ultimi 45 anni. Poi l’exploit della Lega, che annuncia già di non voler cercare alleanze con chi ha “responsabilità del declino della Valle”. E poi M5s in affanno, Pd e Forza Italia quasi piccoli puntini all’orizzonte e fuori dal consiglio regionale. 

Al termine dello scrutinio delle 67mila schede, i risultati delle Regionali in Valle d’Aosta, al voto domenica, restituiscono un quadro politico frammentato che costringerà i partiti a cercare un’alleanza per formare un governo e amministrare. Perché il primo posto non basta all’Union per assicurarsi la maggioranza in consiglio. Lo storico partito autonomista valdostano ha raccolto il 19,25 per cento dei voti. Per la prima volta dal 1973, come riporta Youtrend, gli autonomisti non hanno superato il 20% dei consensi.

Segue la Lega che conferma i valori delle Politiche del 4 marzo: il Carroccio prende il 17,06 per cento: si avvia a tornare nel consiglio valdostano dopo vent’anni di assenza ed è un risultato storico in una zona in cui l’autonomismo porta via parecchi voti al leghismo. La terza forza, dopo una serie di sorpassi durante lo scrutinio è il cartello elettorale guidato dalla Stella Alpina, un altro partito autonomista (questo di centrodestra) che insieme alle liste Area Civica e Pour Notre Vallée raggiunge il 10,66.

La quarta lista, al 10,52, è l’Union Valdôtaine Progressiste, un altro partito autonomista nato da una costola di sinistra dell’Unione più grande. A seguire il M5s che – a dispetto delle aspettative – a fatica scavalca la soglia del 10 per cento, attestandosi al 10,44. Di sicuro i Cinquestelle dovranno attendere ancora prima di conquistare una Regione: sulla Valle avevano puntato quasi quanto sul Molise, soprattutto dopo l’elezione di Elisa Tripodi, la prima deputata donna eletta nella Regione proprio con il Movimento.

Stanno peggio (molto peggio) i partiti cosiddetti tradizionali: il Partito Democratico (che spesso ha governato in coalizione con l’Union Valdôtain negli ultimi decenni) si è fermato al 5,39, mentre Forza Italia (che si presentava in un simbolo unico con Fratelli d’Italia e altre forze del centrodestra) ha chiuso sotto il 3 per cento (2,92). Entrambe le forze politiche restano fuori dal Consiglio regionale.

I 35 seggi sarebbero infatti distribuiti così: 7 ciascuno per Union Valdôtaine e Lega, 4 ciascuno per Union Valdôtain Progressiste, M5s e Stella Alpina, 3 ciascuno a Impegno Civico, Mouv’ e Alpe. Per la prima volta in questa occasione è stato applicato il sistema di voto approvato nel 2017, quando è stato eliminato il doppio turno e introdotto un premio di maggioranza di 21 seggi, che vengono assegnati alla lista singola o alla coalizione, che abbia conseguito almeno il 42 per cento dei voti validi. Un risultato mancato da tutte le forze che ha portato quindi a una ripartizione proporzionale.

Per la prima volta lo spoglio delle schede è avvenuto in maniera centralizzata in quattro poli (Aosta, Saint-Pierre, Fenis e Verres) in cui sono giunte le urne dei seggi di zona: una novità introdotta per garantire maggiormente la segretezza del voto. L’affluenza è stata del 65,12, in netto calo rispetto al 2013 (73).

CRONACA ORA PER ORA 

18.55 Spoglio al 100% – Risultati definitivi: Union primo partito, poi Lega
Si è concluso lo spoglio in Valle d’Aosta, dove domenica si è votato per le Regionali. Questi i risultati al termine dello scrutinio delle 67.162 schede: Union Valdôtaine 19,25%, Lega 17,06, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,66, Union Valdôtaine Progressiste 10,59, M5s 10,44, Alpe 9, Impegno Civico 7,54, Mouv’ 7,13, Partito Democratico 5,39, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 2,92.

18.50 – Spoglio 97,54: Union 19,2, Lega 17,1, Stella Alpina 10,68
Dopo lo spoglio di 65.511 schede su 67.162 (97,54%) questi i risultati: Union Valdôtaine 19,2%, Lega 17,1, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,68, M5s 10,42, Union Valdôtaine Progressiste 10,52, Alpe 8,96, Impegno Civico 7,58, Mouv’ 7,13, Partito Democratico 5,45, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 2,94.

18.22 – Spoglio 96%: Union 19,16, Lega 17,1, Stella Alpina 10,6
Dopo lo spoglio di 64.692 schede su 67.162 (96%) questi i risultati: Union Valdôtaine 19,16%, Lega 17,1, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,67, M5s 10,44, Union Valdôtaine Progressiste 10,55, Alpe 8,95, Impegno Civico 7,60, Mouv’ 7,11, Partito Democratico 5,47, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 2,96.

18.04 – Lega: “Successo straordinario”
“È un successo straordinario – commenta all’Adnkronos uno dei candidati al Consiglio regionale, Luca Distor – non solo perché da zero siano arrivati al 17% ma anche perché siamo secondi al partito storicamente autonomista da cui ci separa circa il 2% dei voti e rispetto al quale, stando ai primi calcoli, dovremmo avere lo stesso numero di consiglieri”.  “Certo – prosegue – le numerose liste presenti rendono il quadro frammentato, per questo è necessario un ampio confronto tra le diverse forze politiche per raggiungere una stabilità di governo”. La Lega, conclude Distor, “non è disposta a fare alleanze con chi ha la responsabilità della caduta economica e morale della valle. Oggi consegniamo il nostro programma come patto ai valdostani e su quello dialogheremo”.

17.15 – Union: “Soddisfatti, ma quadro politico frammentato”
“Lo scrutinio non è ancora concluso, ma ormai il trend è definito e ci dice che siamo la prima forza politica, un risultato, dunque, soddisfacente, anche se, come in ogni elezione, si può sempre fare meglio”, dice all’Adnkronos il presidente delll’Union Valdotaine, Ennio Pastoret. “Dal voto però – aggiunge – emerge una forte frammentazione del quadro politico, quindi, nei prossimi giorni sarà necessario vedere se le forze politiche avranno la volontà di sedersi attorno a un tavolo per ragionare, al di là dei singoli schieramenti, su contenuti programmatici condivisibili in modo da poter avviare un percorso che consenta di avere un governo di legislatura”.

16.59 – Spoglio 92%: Union 19,1, Lega 17,1, Stella Alpina 10,6
Dopo lo spoglio di 62.242 schede su 67.162 (92%) questi i risultati: Union Valdôtaine 19,15%, Lega 17,13, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,69, M5s 10,48, Union Valdôtaine Progressiste 10,44, Alpe 8,76, Impegno Civico 7,60, Mouv’ 7,10, Partito Democratico 5,55, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 2,99.

16.35 – Spoglio 83%: Union 19,1, Lega 17, Stella Alpina 10,7
Dopo lo spoglio di 55.666 schede su 67.162 (83%) questi i risultati: Union Valdôtaine 19,12%, Lega 17,05, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,79, M5s 10,53, Union Valdôtaine Progressiste 10,44, Alpe 8,76, Impegno Civico 7,76, Mouv’ 7,58, Partito Democratico 5,60, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 2,95.

16.07 – Spoglio 63%: Union 18,8, Lega 16,9, Uvp 10,4
Dopo lo spoglio di 42.606 schede su 67.162 (63%) questi i risultati: Union Valdôtaine 18,85%, Lega 16,92, Union Valdôtaine Progressiste 10,48, M5s 10,76, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,70, Alpe 8,43, Impegno Civico 7,76, Mouv’ 7,11, Partito Democratico 5,95, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 3,07.

15.20 – Spoglio 48%: Union 19,2, Lega 17, Uvp 10,7
Dopo lo spoglio di 32.189 schede su 67.162 (48%) questi i risultati: Union Valdôtaine 19,22%, Lega 17,03, Union Valdôtaine Progressiste 10,74, M5s 10,58, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,39, Alpe 8,64, Impegno Civico 7,66, Mouv’ 7,63, Partito Democratico 5,62, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 2,91.

15.11 – Spoglio 43%: Union 19,2, Lega 17,1, Uvp 10,9
Dopo lo spoglio di 28.899 schede su 67.162 (43%) questi i risultati: Union Valdôtaine 19,23%, Lega 17,15, Union Valdôtaine Progressiste 10,91, M5s 10,53, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée 10,19, Alpe 8,43, Impegno Civico 7,66, Mouv’ 7,25, Partito Democratico 5,73, Centrodestra (Forza Italia, Fdi, altri) 2,91.