“La manifestazione di domani ribadirà la massima autonomia del movimento NoTav. Negli anni abbiamo capito che governi amici sull’alta velocità non ce ne sono. Questo dei 5 stelle per molti era un governo buono… ad oggi, con quello che vediamo nelle stesure del contratto di governo, c’è molto scetticismo e in questi casi il movimento No Tav ha sempre preso gli scarponi e cominciato a manifestare. E’ un dato di fatto che il Movimento 5 stelle abbia raccolto molti voti tra i No Tav ma ora è il momento di governare… Questo accordo è una mediazione, vediamo chi ci gioca la pelle”. Queste le parole di Lele Rizzo, storico esponente della protesta No Tav, all’indomani dell’ulteriore modifica del contratto di governo in tema di alta velocità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Lunedì da Mattarella col nome del premier? Certamente non con l’uovo di Pasqua”

next
Articolo Successivo

Contratto di governo, accordo M5S-Lega per cancellare 350 parlamentari. Insieme a vitalizi risparmi per 250 milioni

next