Manca ancora l’accordo sul nome del premier? “Adesso stiamo ragionando. E’ la cosa che dobbiamo ancora dirimere, ma sono sicuro che troveremo una soluzione. Vi dico che sono molto fiducioso perché, creata la base del governo, il premier non sarà un problema. Non vi dico nient’altro”. Così il capo politico del M5S, Luigi Di Maio, arrivando a Monza, a casa dell’imprenditore Sergio Bramini. “Qui oggi potrebbe essere uno degli ultimi incontri che facciamo non al governo e speriamo che da qui possa partire un messaggio per tutta l’Europa: che ci sono tante persone che soffrono in tutta Italia imprenditori, dipendenti disoccupati e che queste persone vengono prima di tutto e che vanno messe prima di tutto”, ha concluso Di Maio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Lega M5S, Salvini ad Aosta: “Per la prima volta si parla di temi e non ci si scanna sui nomi”

next
Articolo Successivo

Contratto di governo, le 5 stelle del Movimento e la linea dura della Lega: il programma finale del patto Di Maio-Salvini

next