“Ritardo nell’accordo M5s-Lega? Il programma è la cosa principale e sui temi ci sono ancora altri punti da rivedere. E’ meglio avere patti chiari e amicizia lunga piuttosto che andare a fare a tutti i costi un governo che non riesce a fare il cambiamento promesso ai cittadini”. Così, nel corso della trasmissione Tagadà (La7), il deputato del M5S, Stefano Buffagni, risponde all’inviata Francesca Martelli a proposito dello stallo nell’accordo tra i 5 Stelle e la Lega. E aggiunge: “Il tema dell’immigrazione? Il punto è come risolverla, perché un conto è raccontare le favole, un altro è intervenire in maniera realistica. E’ finita la campagna elettorale e ora la gente si aspetta da noi cose concrete”.

Dopo alcuni minuti il parlamentare pentastellato chiede di andare e aggiunge: “Ci pagano per lavorare”. E insorgono Nunzia De Girolamo di Forza Italia e il deputato Pd, Andrea Romano. La prima commenta: “Lavorare?”. “Quale lavoro?”, si accoda, ridendo, Romano. “Scusi, che lavoro fa? Redige il contratto di governo?” rincara De Girolamo: “Il Parlamento non sta lavorando. Sarà molto bravo con la punteggiatura“. Buffagni, a fine collegamento, risponde: “Io sono anche in commissione speciale (per l’esame di atti del governo, ndr) che sta lavorando, cioè faccio parte di quella piccola parte di Parlamento che lavora. Quindi, è inutile fare battute fuori luogo”. Poi su Facebook replica: “A differenza di Nunzia De Girolamo, che di professione pare sia donna da salotto tv, stiamo cercando di dare un governo serio a questo paese e lavoriamo in Commissione Speciale alla Camera per studiare i provvedimenti che saranno discussi dal Parlamento, in particolare il def. Alla De Girolamo sembrerà strano, ma per noi fare politica è serietà e impegno, far funzionare le istituzioni ed evitare la paralisi. Lo dobbiamo ai cittadini che ci hanno votato: se ne faccia una ragione seduta sul divano degli studi televisivi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s-Lega, Borgonovo vs Migliore (Pd): “Governo? E’ Mattarella a tirarla per le lunghe, così logora i populisti”

next
Articolo Successivo

M5s-Lega, Travaglio: “Salvini? Se non si sgancia da Berlusconi è un fanfarone. Promette ma chiede permesso a papi”

next