Nel giorno in cui Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno incontrato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere altro tempo con lo scopo di trovare l’accordo per il nuovo governo, quello di Giulio Sapelli, professore della Statale di Milano, è stato uno dei nomi “papabili” che Lega e M5s avrebbero potuto proporre al Capo dello Stato. “Non sono deluso” ha commentato Sapelli poco prima di presentare il suo libro, Oltre il capitalismo. Perché ha proposto Siniscalco, tra l’altro ex ministro di Berlusconi? “Perché se fossi diventato primo ministro, sarebbe stata una mia prerogativa. Non si può fare il presepe senza Gesù bambino”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Gli accordi un tanto al chilo non fanno per noi. O si comincia o ci si saluta”

next