Le Mercedes conquistano la prima fila nelle qualifiche del Gp di Catalunya. Lewis Hamilton partirà in pole position seguito dal compagno di squadra Valtteri Bottas. Alle loro spalle, entrambe le Ferrari: Sebastian Vettel partirà dalla terza posizione con Kimi Raikkonen al suo fianco.

Terza invece per le Red Bull, con Verstappen che partirà davanti al compagno Ricciardo. Completano la top ten Kevin Magnussen (Haas), Fernando Alonso (McLaren), Carlos Sainz (Renault) e Romain Grosjean (Haas).

Per Hamilton si tratta della 74esima pole position in carriera, la seconda in questa stagione dopo quella conquistata in Australia. L’inglese ha fatto registrare il miglior tempo in 1’16″173, nuovo record della pista. A 40 centesimi Bottas, mentre Vettel ha accumulato un ritardo di 132 millesimi e Raikkonen di 439 millesimi.

“Sono state delle qualifiche con tempi ravvicinati. Avevo bisogno di questa pole, mi mancava da un po’“, ha detto il leader del Mondiale dopo le qualifiche. “Volevo fare il record in ogni settore, mi accontento di quello centrale…”, ha aggiunto. Al suo fianco scatterà il compagno di squadra Valtteri Bottas: “Siamo stati molto vicini, mi son divertito. Peccato aver mancato la pole di poco. Però – ha aggiunto il finlandese – la gara è domani, darò tutto per cercare di portare a casa la vittoria”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Minardi day, tira più la Formula 1 del passato che quella del presente

prev
Articolo Successivo

Formula 1, Gp di Spagna: vince Hamilton, secondo Bottas. Sebastian Vettel è quarto

next