“Questa è una zona tranquillissima. E anche se succede qualcosa di losco, succede in tranquillità. Senza che nessuno disturbi nessuno”. Fabio è uno degli avventori del Roxy bar, il locale dove nel giorno di Pasqua due appartenenti alle famiglie Casamonica e Di Silvio hanno pestato Simona, una donna di 42 anni “colpevole” di aver reagito al sopruso dei “rampolli”, e il barista. 

Siamo nella borgata della Romanina, poco oltre il Grande raccordo anulare, fra la Tuscolana e l’autostrada Roma-Napoli. Una zona nota soprattutto per la speculazione edilizia, i grandi centri commerciali, l’urbanizzazione recente e le ville kitsch dei Casamonica. “Andate via. Mò ci penso io a voi. Poi dicono che sono i Casamonica a fare danni”, urla  ai cronisti da una delle ville una donna, mentre sul suo balcone si staglia una sedia dorata, quasi un trono. I clan Casamonica – Di Silvio, imparentati fra loro, da 30 anni imperversano nella periferia est della Capitale, fra spaccio, racket, usura e riciclaggio. Parlare di loro non è facile. “A noi non fanno niente, ma lasciateci perdere, non vogliamo sorgano antipatie”, dicono in un negozio a due passi dal bar teatro del pestaggio. “Non fanno nulla, soprattutto a chi qui c’è da sempre e lavora. È un po’ come il branco: se hai paura lo vedono”, spiegano i titolari delle attività della zona. Quello che è accaduto a Pasqua è un’azione di “ragazzotti”. “La vecchia guardia non lo avrebbe fatto. E poi erano sotto l’effetto di sostanze. Quando non lo sono, ti offrono anche il caffè”. 

Non fanno nulla, ma in caso, meglio non rispondere? “Sì. A noi non è mai successo, ma spero di non provarlo mai”. 

Negano il pizzo, ma ammettono in genere di farli passare davanti. “Per quieto vivere. E poi meglio vadano via il prima possibile, no?”. A denunciare sono stati invece il barista, la sua compagna – vengono entrambi dalla Romania e hanno questa attività in zona da cinque anni – e Simona, la donna vittima del pestaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raid Casamonica in un bar, due persone arrestate. Altre due sono ricercate

next
Articolo Successivo

Crotone, esplosione in un appartamento: 2 morti e 4 feriti. Coinvolte tre bambine, una in gravi condizioni. Indaga la procura

next