Scontro verbale tra un elettore del Pd e Gianni Cuperlo che stava entrando nella sede del Nazareno, a Roma, per la direzione del partito. “Cuperlo a casa! Che cosa ne faccio di questa tessera da quando avete deciso che Di Maio ha chiuso il forno?”, gli ha urlato un uomo mostrando una tessera del Pd.

A quel punto Cuperlo si è avvicinato e l’ha ascoltato. “Per che cosa vi abbiamo votato? Non sai quanto mi sono pentito. Devi rispettare un segretario”, ha urlato l’elettore. Cuperlo allora gli ha risposto: “Io ho sempre rispettato il mio partito. Io voglio discutere con tutti ma credo che serva rispetto anche dissentendo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, diretta direzione – Martina: “Chiuso col M5s. Impossibile governo col centrodestra. Chiedo fiducia fino all’assemblea”

next
Articolo Successivo

Pd, contestatore fermato dalla Polizia. L’episodio prima della direzione del partito al Nazareno

next