Stamford Hill nel nord di Londra, durante la cerimonia religiosa ebraica del Lag Ba’omer, un cellulare esplode investendo in pieno più di trenta partecipanti. Il leader religioso prima di accendere il fuoco aveva posto sulla pira un cellulare per sottolineare quanto possa essere fuorviante l’uso degli smartphone nella società attuale. A seguito dell’esplosione la folla è fuggita in preda al panico ed alcuni sono rimasti calpestati dalla folla in fuga. Il servizio di volontariato ebraico Hatzola, accorso in aiuto delle vittime, sottolinea però di aver trattato perlopiù vittime di ustioni al volto che sono state trasportate d’urgenza in ospedale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

India, tempesta di sabbia e grandine: oltre 90 morti in due stati

next
Articolo Successivo

Londra investe sui bagni pubblici per far girare la ‘night economy’

next