Il punto di partenza è di quelli inattaccabili: un finestrino serve a vederci attraverso. A gustarsi il panorama durante un viaggio, ad esempio. Lo diamo per scontato, ma non tutti possono farlo: ai non vedenti non è permesso. Una situazione di fatto, che lascia poco spazio a vie d’uscita.

Almeno fino a quando gli ingegneri della Aedo, una start-up italiana specializzata nella creazione di dispositivi per disabili visivi, non hanno deciso di studiare il modo per cambiare le cose, supportati da Ford.

Il risultato è un prototipo chiamato Feel the View e capace di trasformare il vetro di un finestrino in un display tattile in grado di “convertire” le immagini scattate da una fotocamera in veri e propri stimoli sensoriali aptici: non si vedono, ma si percepiscono attraverso udito e tatto.

In pratica, come si vede nel video qui sotto, la foto viene convertita dal software interno in un’immagine in scala di grigi ad alto contrasto. Immagine che, poi, viene riprodotta sul vetro del finestrino, grazie all’uso di speciali LED.

Al tocco del passeggero non vedente, Feel The View provoca, sul punto del finestrino interessato, delle vibrazioni percepite, che possono avere ben 255 tipi di intensità: minore sarà la gradazione di grigio, maggiore sarà l’intensità di vibrazione. In questo modo, attraverso l’esplorazione dell’intero finestrino, si può immaginare e ricostruire nella propria mente il panorama. Che bella idea.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volvo, cronaca di un’ascesa. Ecco tutti i piani, dalla Cina all’elettrico

next
Articolo Successivo

Guida autonoma, in corsa anche il Pentagono. Griffin: “salverà molte vite”

next