“Pronto a votare assieme a Renzi? Se sono programmi che ridanno dignità ai lavoratori sì” così Gianluigi Paragone entrando alla riunione congiunta dei gruppi parlamentari del M5S, al termine della giornata del secondo giro di consultazioni del presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico.

“Se voterò a favore di un accordo con il Pd? Dipende” afferma il senatore M5S Sergio Puglia. Più rassicurante è il suo collega pentastellato Gregorio De Falco: “La base M5S? Capirà bene che i punti del programma ci sono e ci saranno, l’importante è il programma, prima delle persone”.

Tra gli esponenti politici del Movimento che manifestano più di un imbarazzo c’è la senatrice Paola Taverna: “Non rinnego ciò che ho detto in passato al Pd” e Alberto Airola commenta così l’ipotesi di un accordo sul ‘contratto di governo’ con i dem: “Non m’importa chi schiacci il bottone, l’importante è che cambiamo questo Paese”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio ai suoi: “Verso esito positivo. Non rinneghiamo nostre battaglie, loro riconoscano problemi: da precari a Fornero”

next