“Pronto a votare assieme a Renzi? Se sono programmi che ridanno dignità ai lavoratori sì” così Gianluigi Paragone entrando alla riunione congiunta dei gruppi parlamentari del M5S, al termine della giornata del secondo giro di consultazioni del presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico.

“Se voterò a favore di un accordo con il Pd? Dipende” afferma il senatore M5S Sergio Puglia. Più rassicurante è il suo collega pentastellato Gregorio De Falco: “La base M5S? Capirà bene che i punti del programma ci sono e ci saranno, l’importante è il programma, prima delle persone”.

Tra gli esponenti politici del Movimento che manifestano più di un imbarazzo c’è la senatrice Paola Taverna: “Non rinnego ciò che ho detto in passato al Pd” e Alberto Airola commenta così l’ipotesi di un accordo sul ‘contratto di governo’ con i dem: “Non m’importa chi schiacci il bottone, l’importante è che cambiamo questo Paese”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Di Maio ai suoi: “Verso esito positivo. Non rinneghiamo nostre battaglie, loro riconoscano problemi: da precari a Fornero”

prev
Articolo Successivo

Governo, Bonafè (Pd): “Il Pd e il M5s sono forze alternative non si dimenticano 5 anni di insulti”

next