“Passi avanti soprattutto sulla chiusura del confronto con centrodestra e Lega, sul quale registriamo parole definitive. Al tempo stesso non nascondiamo le differenze tra il M5s e noi”. Così il segretario del Partito democratico Maurizio Martina dopo il secondo colloquio alla Camera con il Presidente Roberto Fico, incaricato dal Capo dello Stato di sondare l’ipotesi di un alleanza tra Pd e M5s per la formazione di un governo. Ma la decisione dei dem arriverà solo il 3 maggio, data nella quale è convocata la direzione del partito: “Allora decideremo se e come accedere a questo confronto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo: fallito a sinistra con Salvini, Di Maio prova a destra col Pd

next
Articolo Successivo

Governo, Toninelli a base M5s: “Dialogo? Strategia dichiarata”. Il No di Calenda (Pd): “Programma sarebbe di Grillo e Casaleggio”

next