“Passi avanti soprattutto sulla chiusura del confronto con centrodestra e Lega, sul quale registriamo parole definitive. Al tempo stesso non nascondiamo le differenze tra il M5s e noi”. Così il segretario del Partito democratico Maurizio Martina dopo il secondo colloquio alla Camera con il Presidente Roberto Fico, incaricato dal Capo dello Stato di sondare l’ipotesi di un alleanza tra Pd e M5s per la formazione di un governo. Ma la decisione dei dem arriverà solo il 3 maggio, data nella quale è convocata la direzione del partito: “Allora decideremo se e come accedere a questo confronto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo: fallito a sinistra con Salvini, Di Maio prova a destra col Pd

prev
Articolo Successivo

Governo, Toninelli a base M5s: “Dialogo? Strategia dichiarata”. Il No di Calenda (Pd): “Programma sarebbe di Grillo e Casaleggio”

next