L’abolizione dei vitalizi “colpirà degli ormai anziani signori” come le leggi razziali “perseguitarono i cittadini di religione ebraica”. E il provvedimento andrà in porto, perché “nessuno si tirerà indietro” per “compiacere a un’opinione pubblica plebea“. In una lettera a Il Foglio, l’ex parlamentare di Forza Italia e Ncd, Giuliano Cazzola, critica aspramente il provvedimento al varo dell’Ufficio di presidenza della Camera, paragonandolo alle leggi del 1938 volute da Benito Mussolini.

“Al di là dei pregiudizi di carattere biologico, la principale funzione del razzismo, in tutte le varianti, è sempre stata quella di giustificare qualche forma di discriminazione o oppressione”, scrive il professore bolognese a proposito dell’abolizione dei vitalizi degli ex parlamentari. “Ecco perché, a ottant’anni di distanza dalle leggi per la difesa della razza – aggiunge – la Camera si accinge a ricordare quell’evento vergognoso, interpretandone e promuovendone il medesimo filone (sub)culturale con l’abolizione dei vitalizi”.

Secondo Cazzola, “come le leggi del 1938 perseguitarono i cittadini di religione ebraica per il solo fatto di essere tali”, il provvedimento che assumerà, “con efficacia retroattiva”, l’Ufficio di presidenza della Camera sui vitalizi “inventandosi criteri, acrobazie giuridiche e quant’altro” colpirà “degli ormai anziani signori e signore per il solo fatto di aver rappresentato la Nazione in un periodo della loro vita”. “Nessuno si tirerà indietro”, predice Cazzola. Il motivo? “Per compiacere a un’opinione pubblica plebea e sobillata dalla menzogna e dall’invidia sociale“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La sinistra è in crisi? Il Pd non è mai stato di sinistra

next
Articolo Successivo

Incarico Casellati, Di Maio: “Occasione preziosa per fare chiarezza. Ribadiremo proposte e posizioni M5S”

next