“Pluralismo e riforme”. Ma anche “attenzione di adeguare la realtà delle nostre istituzioni del nostro stare insieme ai mutamenti che si realizzano”. Con queste parole molto significative per il momento storico che sta attraversando l’Italia, Sergio Mattarella ha ricordato la morte di Roberto Ruffilli, professore e senatore Dc ucciso dalla Brigate Rosse trent’anni fa. Oggi il presidente della Repubblica ha scelto di presenziare alla commemorazione a Forlì e le sue parole sono state lette come un messaggio alle forze politiche impegnate in queste ore nel cercare l’accordo per una maggioranza.

“Grande è sempre stata la sua attenzione al processo riformatore”, ha detto Mattarella. “Attenzione di adeguare costantemente la realtà delle nostre istituzioni e del nostro stare insieme, ai mutamenti che, nel corso del tempo, sempre più velocemente si realizzano. Per questo è giusto aver ricordato qui, oggi, il pluralismo e le riforme come indicazioni dell’insegnamento di Ruffilli. Ma l’insegnamento principale, Ruffilli lo ha dato con la sua vita limpida, generosa e disponibile, rivolta sempre verso gli altri”. Un atteggiamento, ha concluso Mattarella, che “contrasta con la sconcertante efferatezza di chi lo ha ucciso”. Ruffilli fu professore universitario, senatore Dc e capogruppo in commissione Bozzi con cui il Parlamento tentò, invano, di mettere mano per la prima volta alla riforma della Costituzione. “Ruffilli – ha aggiunto il capo dello Stato – sosteneva il concetto di cittadinanza, di convivenza, il senso della comunità che, nell’ambito della Costituzione, lega i cittadini e tutti gli elementi della Repubblica. Ruffilli sottolineava il valore del pluralismo e della democrazia. Secondo la Costituzione, la vita politica non si esaurisce nell’attività del Parlamento del Governo, delle Regioni o dei Comuni”.

Mattarella ha anche ricordato che Ruffilli studiò e cercò di applicare nella vita reale “il patto tra cittadini e Stato” e scrisse un libro dal titolo “Il cittadino come arbitro”, “una definizione in perfetta corrispondenza all’art.2 della Costituzione sancisce i diritti inviolabili della persona ed evoca il concetto di cittadinanza, appunto, come patto tra cittadini e Stato”. Ruffilli dimostrò sempre, ha concluso Mattarella in una cerimonia al teatro Fabbri di Forlì, “grande attenzione al processo riformatore e ai mutamenti che sempre più velocemente si realizzano”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s Roma, espulsa la consigliera Cristina Grancio dopo l’ennesima lite sull’urbanistica

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Maio: “Di Battista ha paragonato Salvini a Dudù? Era una battuta, non voleva sabotarmi”

next