Il primo Gran Premio a “elettroni” di Roma se l’è aggiudicato un britannico, Sam Bird, al volante della sua DS Virgin. Secondo posto per il brasiliano Lucas Di Grassi su Audi e terzo per il tedesco Lotterer su Techeetah. Decisiva, per l’esito della gara, l’abilità nel gestire al meglio la capacità delle batterie e quella di sfruttare le pochissime opportunità di sorpasso che il circuito cittadino ricavato all’interno del Quartiere Eur. Durante la premiazione, è arrivato anche l’annuncio dell’ufficialità dell’accordo tra Alejandro Agag, patron della Formula E, e il sindaco di Roma Virginia Raggi: la gara continuerà a svolgersi nella Capitale per i prossimi cinque anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ape Piaggio, (ri)parte la campagna d’Egitto

prev
Articolo Successivo

Mini Living, quando l’auto british sposa il Salone del Mobile – FOTO

next