I soldi dei Casalesi in Transilvania. I fratelli Giuseppe Inquieto e Nicola Inquieto, arrestati oggi dall’Antimafia di Napoli, avevano scelto la cittadina romena di Pitesti, a nord di Bucarest, per mettere in piedi un patrimonio imprenditoriale riconducibile al boss della camorra Michele Zagaria. I due, infatti, sono fratelli di Vincenzo Inquieto, l’uomo che aiutò “Capastorta” nell’ultimo periodo della sua latitanza.

L’operazione, denominata “Transilvania” dagli investigatori della Dia, ha portato anche al sequestro di beni per un valore complessivo – e non definitivo – di centinaia di milioni di euro. Come riporta Repubblica.it, sono finiti ai sigilli oltre 400 appartamenti, una società per azioni, centri benessere e diverse imprese edili. Un imponente patrimonio societario e immobiliare riconducibile a Nicola Inquieto, arrestato in Romania attraverso la procedura del mandato di arresto europeo con il supporto di Eurojust e dell’Interpol.

Il fratello Giuseppe, invece, è stato arrestato ad Aversa dove risulta residente. Secondo gli investigatori, i due avevano insediato in Romania una sorta di “dipartimento estero” del clan dei Casalesi fazione Zagaria. I capitali prodotti dall’attività imprenditoriale dei fratelli Inquieto erano pronti a tornare in qualsiasi momento nel casertano per far fronte alle richieste e alle esigenze della cosca. L’accusa ipotizzata è quella di associazione di stampo mafioso.

Perché proprio la Romania? È un Paese povero ma con una forte crescita del Pil (più 5 per cento per quest’anno), spiegano gli investigatori, e quindi con grande capacità di espansione. L’ideale per investire nel settore delle costruzioni. “Le organizzazioni criminali individuano Stati che hanno un Pil in forte aumento e impreparati dal punto di vista della legislazione, a differenza nostra”, aggiungono. “È il caso di molti Paesi dell’Est Europa“.

Un vero e proprio tesoro, quello sequestrato dagli inquirenti, che il superboss dei Casalesi, catturato dopo 15 anni di latitanza in un bunker di Casapesenna il 7 dicembre 2011, ha tenuto nascosto allo Stato. Le indagini su Zagaria risalgono infatti a dieci anni fa, quando l’allora procuratore aggiunto della Dda, Franco Roberti – poi nominato procuratore nazionale Antimafia – affidò l’incarico di sgominare la cosca dei Casalesi al giovane sostituto Catello Maresca.

L’inchiesta che ha portato all’arresto dei fratelli Inquieto, invece, è durata circa due anni ed è stata svolta in collaborazione con l’autorità giudiziaria e gli organi di polizia romeni. Importante il contributo di numerosi collaboratori di giustizia, di intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche e dell’analisi di documentazione bancaria e finanziaria.