Via le divisioni, largo all’inclusività. La sindaca di Roma Virginia Raggi, l’Anpi e la Comunità ebraica hanno annunciato che quest’anno la manifestazione del 25 aprile sarà “unitaria e inclusiva”. Su iniziativa del Campidoglio si è arrivati a un accordo tra l’Associazione nazionale dei partigiani d’Italia e la Comunità ebraica della Capitale, dopo i contrasti che l’anno scorso avevano portato all’organizzazione di due manifestazioni distinte.

Quest’anno la giornata del 25 aprile “coincide con il 70esimo anniversario dell’entrata in vigore della Carta costituzionale e dell’80esima ricorrenza della promulgazione delle leggi razziali“, ricordano Raggi, il presidente dell’Anpi provinciale di Roma Fabrizio De Sanctis e la presidente della Comunità ebraica Ruth Dureghello. “Il riemergere in tutta Europa e nel nostro paese di nuovi e vecchi fascismi, il dilagare di un linguaggio politico violento e razzista, la ripresa di forme di violenza che assume tutte le caratteristiche destabilizzanti di un tempo che si auspica irripetibile, in tutta Italia e nel Lazio in particolare, richiamano al senso di responsabilità ed impongono di superare le divisioni che in questi ultimi anni hanno caratterizzato le celebrazioni della Liberazione”, spiegano.

L’obiettivo dell’Anpi e della Comunità ebraica è quello di mettere in piedi una “manifestazione popolare, che si concentri sulla storia della Resistenza, della lotta antifascista e dei suoi protagonisti”. Un accordo che, ha spiegato De Sanctis all’Ansa, è stato raggiunto con il dialogo. “Erano quattro anni che neanche si parlava più… Abbiamo dato rilevanza a quello che unisce. Questo Paese rischia di finire male proprio per l’inattuazione della Costituzione, che è la diretta eredità della Resistenza”. E sull’eventuale partecipazione al corteo dei palestinesi e dei filopalestinesi, ogni anno fonte di contrasti tra l’Anpi e la Comunità ebraica, De Sanctis ha aggiunto: “Deve essere un corteo in cui tutti rispettano tutti e sicuramente sarà così. Crediamo molto importante fare un corteo inclusivo“. Apertura dunque anche alle istanze filopalestinesi, ma nei limiti della tolleranza e della richiesta di “dare risalto alle bandiere della Resistenza e della guerra di liberazione”.

Motivo dell’accordo è anche l’esigenza di dare una risposta unitaria “ai frequenti atti di intolleranza, razzismo e antisemitismo“, ha precisato la Comunità ebraica di Roma. “Abbiamo ritenuto opportuno trovare un’intesa con l’Anpi e il comune di Roma per celebrare insieme il 25 aprile, con i vessilli e le bandiere che hanno contribuito a liberare il nostro Paese dal nazifascismo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Formula E, ufficiale l’arrivo di Porsche nel 2019

next
Articolo Successivo

Autostrade, i giudici: “Rimuovere i tutor, brevetto copiato”. La replica: “Verranno sostituiti con un nuovo sistema”

next