Presentato oggi a Roma il Rapporto 2018 del Centro Astalli, fotografia delle condizioni di richiedenti asilo e rifugiati che durante il 2017 si sono rivolti alla sede italiana del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati.

Ad aprire la conferenza – cui hanno partecipato padre Fabio Baggio, sottosegretario di Papa Francesco per la sezione migranti e rifugiati della Santa Sede, Monica Maggioni, Marco Damilano, padre Camillo Ripamonti – la testimonianza di Moussa, 27 anni rifugiato maliano, che ha vissuto l’esperienza del carcere in Libia. “Sono stato torturato e sfruttato. Ora spero di poter ricominciare la mia vita in Italia. Magari non potrò riprendere subito a studiare legge. Ma so fare il meccanico, e voglio guadagnarmi da vivere”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stereotipi: nei libri di scuola uomini cavalieri e scienziati, donne casalinghe, maestre o streghe. E il Sole picchia la Luna

next
Articolo Successivo

Migranti, Centro Astalli: “Calati gli arrivi, ma aumentate le difficoltà dell’accoglienza. Molti dormono in strada”

next