La calunnia si è prescritta. La ricettazione, che non era stata provata in primo grado, invece no. E per la corte d’Appello di Milano si è configurata. C’è un nuovo capitolo giudiziario nella vicenda della presunta campagna diffamatoria che – secondo l’accusa – è stata messa in atto circa otto anni fa dall’allora patron dell’Esselunga, ora scomparso, Bernardo Caprotti, contro la concorrente Coop Lombardia.

Dopo le condanne in primo grado, la corte d’Appello ha dichiarato l’estinzione del reato di diffamazione per l’imprenditore morto nel settembre 2016 e il non doversi procedere per prescrizione dell’accusa di calunnia contestata all’allora direttore del quotidiano Libero, Maurizio Belpietro, e al cronista Gianluigi Nuzzi. Per i due giornalisti, però, i giudici del processo di secondo grado hanno ribaltalto l’assoluzione ottenuta dall’accusa di ricettazione:  i due sono stati infatti condannati a 10 mesi e 20 giorni e 400 euro di multa ciascuno (pena sospesa per entrambi e per Nuzzi anche la non menzione). Nel marzo del 2016 al termine del processo con rito abbreviato il gup Chiara Valori aveva condannato Caprotti a 6 mesi, pena sospesa, per diffamazione, e lo aveva assolto assieme ai suoi due coimputati dalla ricettazione. Coimputati ai quali invece il giudice aveva inflitto 10 mesi e 20 giorni a ognuno per calunnia.

Secondo l’indagine coordinata dal pm Gaetano Ruta, Caprotti (che nel 2007 aveva pubblicato il libro Falce e carrello nel quale prendeva apertamente posizione contro le Coop) era ritenuto il “finanziatore della campagna diffamatoria“, in concorso con Nuzzi e Belpietro. Per l’accusa, infatti, avrebbe acquistato “un cd-rom contenente telefonate illecitamente registrate sulla linea telefonica di ufficio” del direttore della Coop di Vigevano, Maurizio Salvatori. Un’operazione effettuata, si legge nell’imputazione, per consentire a Belpietro e Nuzzi di realizzare, nel 2010, “un servizio giornalistico sfruttando il contenuto delle suddette intercettazioni illecite” e screditare la concorrente di Esselunga.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foto osè di 14enne sui telefonini, in sede civile genitori minorenni condannati a risarcire per diffusione

prev
Articolo Successivo

Tangenti sanità Milano, 4 primari e un imprenditore arrestati. La falsa diagnosi e l’intercettazione: “Un delinquente vero”

next