Topi tra i bagagli, nei corridoi e persino sulle scrivanie e le tastiere dei dipendenti dell’aeroporto. È quanto denuncia il sindacato unitario di base, che ha inviato un esposto all‘Asl di Roma, chiedendo la “verifica urgente delle condizioni igienico-sanitarie” dell’aeroporto di Fiumicino. “Le condizioni dei luoghi di lavoro e degli ambienti attigui  – si legge nel documento – sono gravemente compromesse dalla presenza di ratti“, nell’intero terminal delle partenze e vicino ad alcuni banchi accettazione dei passeggeri. Ma anche “nella sala pausa e negli attigui bagni nei pressi del timbro marcatempo” ad alcuni gate di imbarco,  “arrivando addirittura ad attraversare le scrivanie e a transitare sulle tastiere, sulle sedie e sui piedi degli addetti intenti nelle attività di lavoro”. Condizioni che lo stesso sindacato ha filmato, immortalando in alcuni video due piccoli topi intenti a scorrazzare all’aeroporto.

Aeroporti di Roma ha diffuso una nota relativa alla segnalazione dei Cub: “La segnalazione pubblicata, e il relativo video, riguardano un singolo episodio, verificatosi in un solo box check-in dello scalo ormai due settimane fa. La situazione è stata immediatamente risolta a suo tempo, sanificando il banco check-in interessato e l’area circostante, anche attraverso il sollevamento dei pannelli e mediante un’approfondita disinfezione. In generale, le ordinarie procedure di pulizia e igienizzazione dei Terminal sono eseguite puntualmente e con la massima attenzione, attraverso azioni di monitoraggio continuo in oltre 400 punti dell’aerostazione, eseguite da fornitori esterni altamente specializzati e secondo procedure codificate. Proprio per questo, quanto descritto nella segnalazione sindacale non corrisponde minimamente alla realtà dei fatti, peraltro prontamente risolti”.