Al rientro dalle vacanze hanno accompagnato la figlia di due anni all’asilo nido, ma quando sono arrivati c’erano due vigili urbani ad attenderli all’ingresso. È successo a Torre Pellice, nel torinese. I genitori erano stati avvisati dal Comune che la piccola non avrebbe potuto frequentare l’asilo perché non vaccinata, ma si sono presentati ugualmente.

L’episodio è stato reso noto dallo stesso padre della bambina, Eros Giustetto, medico e attivista “No Vax“, sulle pagine dei giornali locali. “Abbiamo chiesto di fare gli esami per verificare che non abbia intolleranze ai farmaci, ma non ci hanno ancora risposto”, ha raccontato Giustetto a Repubblica.it. “E avevamo un accordo con il medico dell’Asl di Pinerolo: dopo quegli esami ci saremmo visti e avremo deciso cosa fare, ma il segretario comunale ha forzato la mano e siamo stati sbattuti fuori da scuola”.

L’intervento dei vigili urbani è frutto di un provvedimento di “non accoglimento” firmato dal sindaco di Torre Pellice, Marco Cogno, il 21 marzo scorso. “Abbiamo avuto due colloqui con la famiglia in Municipio, e l’Asl l’ha contattata più volte nei mesi scorsi”, ha precisato il sindaco. “Siamo pronti, naturalmente, a riaccogliere la bambina all’asilo quando sarà vaccinata. Ma non ho potuto fare altro che fare applicare la normativa sui vaccini”.

Il termine ultimo per mettersi in regola con la documentazione per le vaccinazioni è scaduto infatti il 10 marzo. E, secondo le ultime stime della Società italiana di Igiene Carlo Signorelli, potrebbero essere circa 30mila i bambini sotto i sei anni ancora senza certificati. Cosa succede a chi non è ancora vaccinato? Scattano i provvedimenti di esclusione da asili e materne previsti dalla legge Lorenzin, come è già successo in Sardegna, a Sulmona e a Milano, con modalità diverse in base alla regione di appartenenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sparatoria nel Bergamasco, è stata un’esecuzione. Ecco il filmato della sala slot

prev
Articolo Successivo

Mauro Donato, scarcerato il fotoreporter italiano detenuto in Serbia: “Finita una brutta disavventura”

next