Il segretario di Noi con Salvini in Sicilia, Angelo Attaguile, spiega la sua posizione sull’intreccio paradossale che sta emergendo dall’inchiesta per voto di scambio della procura di Termini ImereseUna vicenda che sembra scritta da Pirandello e che ha portato i pm a contestare ad alcuni indagati anche l’ipotesi dell’attentato ai diritti politici del cittadino. L’ex consigliere Salvino Caputo era incandidabile. Ha quindi messo in lista suo fratello, stampando manifesti senza foto e nome di battesimo con l’obiettivo – secondo gli inquirenti – di spacciarlo per se stesso. “Io –  spiega Attaguile – non sono indagato, io non ho fatto nulla, se non condividere quello che diceva Alessandro Pagano che voleva candidare il figlio di Caputo, che non so come si chiama, ma è detto Salvino, come un soprannome”

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mastella: “Di Maio ha Pertini come modello? Io non lo votai, si espresse in malo modo su Aldo Moro”

next
Articolo Successivo

Consultazioni, Di Maio: “Aperture sincere, contratto con Lega o Pd. Mai voluto spaccare i dem”

next