Partorisce a fine febbraio mentre si trova con il compagno in vacanza a Moena, in Trentino. Il bambino nasce prematuro e deve rimanere in ospedale. Ora la coppia di turisti russi dovrà pagare alla sanità trentina un conto di 18mila euro.

Come hanno spiegato i genitori del bambino alla tv locale Rttr, la loro assicurazione turistica non copre le spese del parto. A questo si aggiunge l’assenza di una convenzione sanitaria tra l’Italia e il loro paese d’origine, la Russia. L’azienda ospedaliera è stata perciò costretta ad addebitare alla coppia 3mila euro per il parto e 15mila per la degenza del neonato. Spese che altrimenti sarebbero coperte dal sistema sanitario nazionale. Ma il conto potrebbe aumentare, perché il bambino è ancora in osservazione nel reparto dell’ospedale Santa Chiara di Trento.

La coppia sta ora pensando di richiedere il permesso di soggiorno, così da poter usufruire dei servizi del sistema sanitario nazionale. Ma non potrà farlo prima di maggio, quando scadrà il visto turistico che i due avevano ottenuto per venire in Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trento, raccolte 150mila firme per liberare Miro, portato in canile perché abbiava troppo

prev
Articolo Successivo

Rigopiano, a Pasquetta ‘turismo macabro’ tra le macerie dell’hotel travolto dalla valanga. “Selfie e barbecue, denunciamo”

next